mercoledì 18 settembre 2019,
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo

Primo Piano

Ξ Commenta la notizia

Regione Lazio, politiche socilai:500 mila euro per progetti a favore degli anziani

scritto da Redazione
Regione Lazio, politiche socilai:500 mila euro per progetti  a favore degli anziani
Approvato un bando che prevede lo stanziamento di 500mila euro a favore di progetti per la promozione del benessere degli anziani e per contrastare marginalità ed esclusione. Il provvedimento, che sarà pubblicato nei prossimi giorni, è rivolto a organizzazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale e cooperative. L’importo massimo che verrà concesso a ciascun beneficiario è di 10mila euro.

I progetti dovranno riguardare misure per la prevenzione e la tutela della salute, anche in collaborazione con le Asl, attività ludico-motorie affinché gli anziani mantengano l’autosufficienza sia tramite l’esercizio sia con interventi di formazione e informazione, e l’offerta di soluzioni innovative contro la solitudine e l’isolamento.

L’obiettivo è migliorare la qualità della vita degli anziani sotto il profilo socio-sanitario e relazionale. Come già previsto dalla legge regionale 11 del 2016, e come ribadito con forza nel Piano Sociale, la Regione Lazio ritiene fondamentale destinare risorse anche alla socializzazione, rendendo più semplice accedere ai servizi culturali, ricreativi, sportivi.

“Così si riesce a favorire la partecipazione alle iniziative della comunità locale in un’ottica di solidarietà e scambio tra generazioni. L’aumento dell’aspettativa di vita della popolazione va affrontato come bisogno socio-assistenziale a cui dare risposte concrete, e come risorsa preziosa per l’intera società. In quest’ottica nascono gli interventi mirati alla prevenzione che puntano alla conoscenza e alla diffusione di buone abitudini, al fine di mantenere nel tempo le proprie condizioni di benessere fisico ed emotivo”.
Spiega l’assessore alle Politiche sociali, Welfare ed Enti locali, Alessandra Troncarelli.

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+