lunedì 17 Giugno 2024,

Provincia di Latina

Ξ Commenta la notizia

Sanità, Cgil – Cisl- Uil “La regione Lazio calpesta diritti e buona gestione”

scritto da Redazione
Sanità, Cgil – Cisl- Uil “La regione Lazio calpesta diritti e buona gestione”

La Regione, mentre formalmente sblocca la mobilità volontaria dei lavoratori prevista e normata dal contratto di lavoro, la vincola al nulla osta dell’Azienda cedente che, ovviamente, sarà molto restia a darlo ai lavoratori efficienti e validi e ben contenta di ‘concederlo’ a chi non è particolarmente stimato. Il buon senso avrebbe consigliato di imporre almeno una seria motivazione per rifiutare il nulla osta ma questo avrebbe limitato la ‘discrezionalità’ impedendo scelte ‘personali’ incontestabili. Non contenti, sempre in violazione del CCNL e della Legge di stabilità che sblocca, dopo gli anni oscuri di Brunetta, l’utilizzo di fondi contrattuali, la Direzione regionale della sanità del Lazio subordina qualsiasi iniziativa alla trattativa su questo argomento alla sua insindacabile valutazione. Come dire quei soldi che sono dei lavoratori in forza dei contratti hanno oggi un’ amministratore di garanzia. Per non parlare del D.G. del San Giovanni che, in violazione degli accordi sottoscritti a livello regionale e delle indicazioni della Regione di revoca di un provvedimento, conferma l’assegnazione di incarico ad una persona miracolosamente arrivata su mobilità, in deroga a qualsiasi regola, dalla Rm B che sembra essere diventata il bacino della intellighenzia della sanità. Ovviamente le regole valgono sempre e solo per i lavoratori normali e mai per alcuni eletti, dirigenti, per i quali il calcio mercato è sempre aperto. Sono solo alcune delle questioni su cui FP Cgil Cisl FP e Uil FPL chiedono maggiore rispetto dei lavoratori e ripristino delle regole“. Lo comunicano, in una nota, Cgil, Cisl e UIl.

Rispondi alla discussione

Facebook