domenica 19 Maggio 2024,

Politica

Ξ Commenta la notizia

Uccisioni illegali e nepotismo: per l’Onu è l’Afghanistan il paese più infelice del mondo

scritto da Redazione
Uccisioni illegali e nepotismo: per l’Onu è l’Afghanistan il paese più infelice del mondo

In nessuna nazione si vive peggio che in Afghanistan. Il World Happiness Report 2023 mette ai primi posto posti per qualità della vita la Finlandia e la Danimarca, agli ultimi il Sierra Leone e l’Afghanistan. “Non ne sono sorpreso-. osserva l’attore Dario Vergassola-. In genere sono i ricchi a ripetere la bugia che i soldi non fanno la felicità, io che sono nato povero preferisco avere qualcosa in tasca. Perché altrimenti non puoi scegliere e sei necessitato ad agire per forza. I miei genitori pulivano le scale e ricordo il carretto con cui andavo in giro con mio padre a recuperare i cartoni. Quando ho cominciato a guadagnare con il mio lavoro ho capito la differenza“.

Uno studio internazionale, il decimo World Happiness Report, ha rilevato che nonostante la pandemia di Covid-19 abbia causato finora 7 milioni di morti, lockdown e una crisi economica globale, tutto questo non abbia comunque influenzato la felicità delle persone. Il rapporto è stato redatto dopo aver intervistato più di 100.000 persone in 137 paesi e ha riscontrato livelli significativamente più alti di bontà in tutte le regioni del mondo rispetto al periodo precedente alla pandemia. Inoltre, quando è stato chiesto loro di valutare la loro vita su una scala da uno a dieci, le persone hanno dato punteggi altrettanto elevati negli anni Covid del 2020-2022, come nei tre anni precedenti. I paesi occidentali sono stati leggermente peggiori. Mentre il resto del mondo è stato leggermente migliore. Ma nel complesso «i dolori indubbi sono stati compensati da un aumento della capacita’ dei rispondenti di scoprire e condividere la capacità di prendersi cura gli uni degli altri in tempi difficili», ha riscontrato lo studio.

Anche gli atti quotidiani di gentilezza, come aiutare uno sconosciuto, donare a enti benefici e fare volontariato, sono aumentati rispetto ai livelli precedenti alla pandemia. Nonostante un aumento del numero di morti tra le persone anziane, quelle sopra i 60 anni hanno riportato un miglioramento della loro felicità rispetto ai gruppi più giovani. In generale, le emozioni positive sono rimaste due volte più prevalenti di quelle negative e i sentimenti di supporto sociale positivo sono stati due volte più forti di quelli di solitudine. La Finlandia è rimasta in cima alla classifica mondiale della felicità per il sesto anno consecutivo. Mentre l’Afghanistan è rimasto in fondo alla classifica. L’Italia si trova nella parte più alta della classifica ma conquista solo il 33 posto. Tredici dei 20 paesi meno felici si trovavano in Africa. Insieme al Bangladesh, all’India e alla Giordania. Il rapporto sostiene che il benessere degli altri e di un ambiente sostenibile sono elementi essenziali per una vita felice. Infine, il rapporto afferma che la felicità dovrebbe essere l’obiettivo principale dell’etica e della politica, e che questa saggezza dovrebbe essere trasformata in risultati pratici per raggiungere la pace, la prosperità, la fiducia, la civiltà e la felicità nelle nostre società.

Intanto Londra ha aperto un’inchiesta indipendente per verificare se la polizia militare britannica abbia insabbiato. O non abbia indagato adeguatamente sulle accuse di uccisioni illegali da parte delle forze armate britanniche in Afghanistan dal 2010 al 2013. Il governo britannico ha ordinato l’inchiesta dopo che gli avvocati hanno presentato ricorso per conto delle famiglie di otto afghani che sarebbero stati uccisi dalle forze speciali britanniche durante raid notturni nel 2011 e nel 2012. L’inchiesta su due incidenti separati esaminerà anche se le morti “facevano parte di un più ampio schema di esecuzioni extragiudiziali da parte delle forze armate britanniche in Afghanistan all’epoca”. Migliaia di truppe britanniche furono dispiegate in Afghanistan come parte delle forze della Nato, dopo gli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001 negli Stati Uniti. Il Regno Unito ha terminato tutte le operazioni di combattimento in Afghanistan nel 2014, anche se un piccolo numero di truppe è rimasto per addestrare le forze di sicurezza afghane fino al 2021, quando la coalizione internazionale si è ritirata dal Paese.

Il leader supremo dei talebani ha emesso un decreto contro il nepotismo, vietando ai funzionari dell’amministrazione talebana afghana di assumere parenti in posizioni di governo. Il mullah Hibatullah Akhundzada ha anche ordinato a tutti i funzionari talebani di licenziare i loro figli e altri parenti che già lavorano nell’amministrazione. “È un ordine a tutti i funzionari dei ministeri, dei dipartimenti e delle autorità indipendenti che nessuno sia autorizzato a nominare familiari o parenti in posizioni di governo“, afferma il decreto, che inoltre ordina a tutti i funzionari talebani di occupare immediatamente i posti vacanti con persone diverse dai loro figli, familiari o parenti. I talebani hanno preso il potere in Afghanistan a metà agosto 2021. Nonostante le promesse iniziali di una posizione più moderata, hanno gradualmente reimposto la loro dura interpretazione della Sharia, come il loro precedente governo in Afghanistan dal 1996 al 2001.

Giacomo Galeazzi

In Terris

I commenti non sono chiusi.

Facebook