lunedì 17 Giugno 2024,

Primo Piano

Ξ Commenta la notizia

Terracina. Comunali maggio 2023: quando a non credere nella destra sono quelli di destra”

scritto da Redazione
Terracina. Comunali maggio 2023: quando a non credere nella destra sono quelli di destra”

Si va incontro a grandi passi verso il 14 e 15 maggio prossimi, giorni in cui si celebrerà il rito delle attese elezioni comunali per il rinnovo del sindaco e del consiglio comunale.

Mancano 45 giorni circa e all’orizzonte poco o niente trapela per le vie ufficiali dai partiti e dalle formazioni civiche, a parte qualche nome di secondo piano.

Nel seguire questo procedere, ieri, ci siamo imbattuti in un piccolo scritto del “Figlio del Fabbro”, alias di Filiberto Scirocchi, noto in città per i suoi trascorsi di militanza nella fila della destra italiana.

Un militante che ha creduto per una vita intera ai valori espressi dalla destra e quando gli è stata concessa l’opportunità di occuparsi di questi valori all’interno delle istituzioni, lo ha fatto con capacità e partecipazione riconosciuta.

Ieri mattina in un post pubblicato su facebook il Figlio del Fabbro, alias Filiberto, scrive:

Buongiorno Terracina: hanno ragione i miei Amici… meglio stare in tribuna !!!  Un grande abbraccio.
il Figlio del Fabbro”.

Quasi in tempo reale gli replica Angelo Nardoni, da tempo fiero oppositore delle giunte guidate da Procaccini e Tintari, il quale afferma:Tutti vogliono il cambiamento…. standosene alla finestra a guardare”.

Filiberto Scirocchi, il “Figlio del fabbro”, gli risponde: Vedi caro Angelo , io sono stato sempre pronto a mettermi in gioco e quindi metterci la faccia, niente e nessuno mi ha mai fatto intimorire…

Ma qui si tratta di un ” gioco ” di squadra dove tutti corrono per lo stesso obbiettivo ( far crescere questa città ).

Ma purtroppo da quello che vedo, molti corrono per ambizioni personali, senza pensare minimamente di cosa ha bisogno Terracina e i Terracinesi ….

Quindi io non sono abituato a giocare partite con regole artefatte.

Ed è per questo che preferisco stare fuori dai giochi.

La politica per me è passione, amore e sacrificio, che avrei voluto mettere a disposizione della mia città…

Ma giustamente qualche amico mi ha fatto notare che i “mostri della politica” sono pericolosi per la mia persona. Un grande abbraccio Angelo”.

Più chiaro di così!

I commenti non sono chiusi.

Facebook