sabato 13 Aprile 2024,

Cronaca

Ξ Commenta la notizia

Sicurezza lavoro: i dati dei primi mesi del 2023 in regione Lazio

scritto da Redazione
Sicurezza lavoro: i dati dei primi mesi del 2023 in regione Lazio

5.827 infortuni sul lavoro nella sola Regione Lazio suddivisi per provincia: Frosinone 288, Latina 610, Rieti 186, Roma 4.610 e Viterbo 133.

Sono i dati forniti dall’Alis (Associazione Lavoratori Italiani per la Sicurezza) del presidente Wladymiro Wysocki dopo la partenza del tour “La sicurezza è il tuo futuro”, organizzato dall’UGL sul delicato tema che vedrà il Segretario Generale Francesco Paolo Capone toccare le maggiori regioni italiane.

La prima tappa si è tenuta a Roma alla presenza del Segretario Confederale Fiovo Bitti e il Segretario UGL Lazio Armando Valiani.

Entrando nel dettaglio dei dati, di questi notiamo come la fascia di età con maggiore criticità è tra i 55 e 59 anni con 722 eventi.

Facendo riferimento agli esiti mortali con 3 eventi su Latina e 3 su Roma per un totale di 6, 5 uomini e 1 donna, la fascia di età maggiormente interessata è tra i 15 e 34 anni.

Ma non dobbiamo trascurare anche i dati delle malattie professionali con un dato totale di 701 casi di cui 536 uomini e 165 donne che suddividiamo in provincie con: Frosinone 176, Latina 108, Rieti 77, Roma 300 e Viterbo 40.

Lo stesso presidente Alis Wladymiro Wysocki ha sottolineato: “Noi tecnici siamo portati ad analizzare, studiare e capire quanto ancora siamo in ritardo alla gravità ed urgenza della situazione lavorativa ma non dobbiamo mai dimenticare che dietro a questi numeri ci sono persone e intere famiglie che sono drammaticamente colti da una tragedia improvvisa. Pertanto quello che troppo spesso si evidenzia con grande disinvoltura deve essere trattato con la massima delicatezza e rispetto. I dati, anche se con evidenze sottili, sono in leggera flessione ma questo non deve assolutamente farci abbassare la guardia anzi è stimolo a dover fare sempre meglio e con dovuta costanza sia da parte nostra che siamo sul campo come consulenti e parte operativa con la redazione anzi direi progettazione documentale, sia con la consulenza e con la necessaria e specifica formazione ed addestramento”.

In aumento i casi di malattia professionale ai quali occorre dare una grande attenzione e puntare in una maggiore accortezza nella fase di addestramento e seguendo maggiormente gli addetti ai lavori nelle singole procedure e nelle singole specifiche attività di lavoro. Magari chiedendo anche maggiore collaborazione ai medici competenti sia nelle fasi di sorveglianza sanitaria applicando specifici protocolli sanitari che nelle occasioni di consulenza e sopralluoghi aziendali.

“Tra le malattie professionali – commenta il Segretario UGL Lazio Armando Valiani – risaltano maggiormente i casi che interessano il sistema osteo-muscolare e del tessuto connettivo, quelle del sistema nervoso e dell’orecchio seguite dalle patologie del sistema respiratorio e dei tumori. Da qui si denota come probabilmente siamo carenti in specifiche formazioni e addestramenti ad esempio nel corretto utilizzo dei dispositivi di protezione individuale come in specifiche procedure corrette nel mettere in essere attività lavorative che possono comportare danni alla persona.

L’informazione, la specifica formazione, l’addestramento, la vigilanza restano sempre gli unici strumenti che abbiamo a disposizione per la lotta a questa emergenza quotidiana che ovviamente senza una cultura, una sensibilità di tutti non hanno alcuna forza. È ancora lunga – conclude Valiani – la strada che dobbiamo fare in materia di prevenzione e sicurezza sui posti di lavoro. È ancora troppo quotidiana la terrificante alternativa tra la vita e il lavoro”.

I commenti non sono chiusi.

Facebook