sabato 02 Marzo 2024,

Regione

Ξ Commenta la notizia

Notizie dalla Regione Lazio … e non solo

scritto da Redazione

IMPRESE. ZINGARETTI: AIUTIAMO I GIOVANI A FARNE UNA PRESIDENTE PARTECIPA A FINALE ‘STARTUPPER SCHOOLO JAM’
Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha assistito stamani alla finale della ‘Startupper School Jam’, gara organizzata da Bic Lazio per conto della Regione e finalizzata a selezionare il migliore business model tra quelli proposti dai ragazzi delle scuole del Lazio che hanno partecipato all’iniziativa. ‘Startupper School Jam’ è una delle quattro azioni previste dal programma ‘Startupper School Academy’, ideato per stimolare la propensione al fare impresa e accrescere la conoscenza del Por-Fesr 2014-2020 da parte degli studenti delle scuole superiori. “La Regione aiuta i ragazzi delle scuole a costruire un’azienda attraverso questo grande progetto ‘Startupper school jam’ – ha detto Zingaretti- E’ una rivoluzione che rafforza il ruolo formativo della scuola unendo alla necessità di studiare anche le prime indicazioni per aprire un’attività imprenditoriale e farsi strada nel mondo. Credo sia importante perché è un modo per dare opportunità a tutti, non solo a chi vive in una famiglia ricca o in una grande città, accanto a un sistema che l’aiuta a fare impresa. E quindi è una grande operazione a sostegno dello sviluppo, dell’uguaglianza delle opportunità, che dimostra che vogliamo investire sui ragazzi del nostro territorio”. Secondo Zingaretti “sono venute fuori delle idee geniali e non è detto che tra di loro non ci sia un futuro capo di una multinazionale che grazie alle idee avute qui aiuti tutti a vivere meglio”.


ISTAT. SACCONI: SERVE PIANO CONTRO EMERGENZA DEMOGRAFICA
Il rapporto Istat sull’Italia evidenzia una vera e propria emergenza demografica anche se, per la prima volta, si manifesta una piccola contrazione nell’aspettativa di vita. La caduta della natalità a 1,37 figli per donna sollecita un piano organico per la nazione, per il suo futuro, che investa tanto i profili culturali quanto quelli economici alla base di questo rattrappimento. Il piano potrebbe comprendere una scelta costituzionale per il voto plurimo dei genitori con figli minori, azioni per la fertilità, misure fiscali per la famiglia numerosa, sostegni alla cura dei minori e alla libertà delle scelte educative. Alla base di esso si deve collocare lo sviluppo della famiglia naturale quale luogo idoneo alla natalità e alla educazione dei figli”. Lo  scrive Maurizio Sacconi, presidente della Commissione lavoro del Senato, nella sua rubrica quotidiana pubblicata sul blog dell’Associazione amici di Marco Biagi (www.amicimarcobiagi.com).


ATAC, VALERI (UGL): IN MATERIA SICUREZZA CONDUCENTI NON SONO UNICI RESPONSABILI
L’Ugl Autoferrotranvieri ha deciso di scioperare domani, venerdì 8 aprile, dalle ore 20.30 per quattro ore, fino a fine servizio, per la sicurezza dei lavoratori Atac e degli utenti, perché l’azienda continua a non rispettare gli impegni assunti”. Lo dichiara, in una nota, il segretario dell’Ugl Autoferrotranvieri di Roma e Lazio, Lucio Valeri, spiegando che “è lontano da qualsiasi logica, in occasione di incidenti, considerare il conducente primo responsabile della manutenzione del mezzo di trasporto, senza valutare tutte le responsabilità in capo alle aziende”. “Con Atac – spiega – l’Ugl Autoferrotranvieri ha tentato la via del dialogo, ha denunciato ed illustrato in tutte le sedi opportune le preoccupazioni sulle condizioni delle vetture, delle infrastrutture metropolitane, sul recupero psicofisico degli operatori. L’Azienda ci ha risposto con indifferenza e quindi con leggerezza, che non possiamo né vogliamo accettare in silenzio, essendo ben consapevoli delle difficoltà a cui è esposto ogni giorno chi fa questo lavoro. Nel mese di aprile, ad esempio, l’Atac è intervenuta solo per decimare i minuti concessi all’autista per il controllo delle vetture, continuando inoltre a non rispettare l’alternanza dei cicli vitali e ad applicare accordi vergognosi, senza poi investire alcuna risorsa  o indagare sulla manutenzione e sulla sicurezza. Nel frattempo – sottolinea – i fattori di rischio per i conducenti sono aumentati: con l’introduzione dell’omicidio stradale, il lavoro diventa doppiamente rischioso perché effettuato con la propria ed unica patente, visto che non si è pensato di introdurre la patente di servizio, come invece accade nel mondo metroferroviario e tranviario”. “A questo punto – conclude Valeri – i conducenti diventano davvero gli unici responsabili della propria sicurezza e della propria dignità, valori essenziali sui quali l’Ugl Autoferrotranvieri non è disposta a trattare”.


FORMAZIONE, ZINGARETTI: AIUTARE GIOVANI CON BUONE IDEE
La Regione aiuta i ragazzi delle scuole a costruire un’azienda attraverso questo grande progetto ‘Startupper school jam’. È una rivoluzione che rafforza il ruolo formativo della scuola unendo alla necessità di studiare anche le prime indicazioni per aprire un’attività imprenditoriale e farsi strada nel mondo. Credo sia importante perchè è un modo per dare opportunità a tutti, non solo a chi vive in una famiglia ricca o in una grande città, accanto a un sistema che l’aiuta a fare impresa”. Così il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, a conclusione dell’incontro in via Casilina, volto a individuare nuovi business model proposti da giovani studenti. “E quindi – ha aggiunto – è una grande operazione a sostegno dello sviluppo, dell’uguaglianza delle opportunità, che dimostra che vogliamo investire sui ragazzi del nostro territorio. Sono venute fuori delle idee geniali e non è detto che tra di loro non ci sia un futuro capo di una multinazionale che grazie alle idee avute qui aiuti tutti a vivere meglio”.


LA DESTRA, STORACE: “DA ORVIETO PARTE RILANCIO”
Sabato 9 e domenica 10, ad Orvietom ci sforzeremo di spiegare come evitare, almeno a livello nazionale, tutto questo incredibile mercato di candidature fai-da-te: ci saranno presto le elezioni e sarebbe davvero insopportabile assistere alla partita tra Cinque stelle e Pd, che renderebbe ininfluenti decine di milioni di italiani a cui invece andrebbe offerta una rappresentanza alternativa. Il cosiddetto centrodestra, quello che sta espellendo dalla discussione tutte le personalità “scomode”, deve decidere il proprio percorso sapendo che se si continua così si va alla disfatta. Noi de La Destra, a Orvieto, cominceremo un percorso assieme ad Azione Nazionale: c’è una comunità, da questa parte, che non riesce a ritrovarsi politicamente nelle offerte attuali. Il centrodestra di un tempo – quello col vento in poppa, modello 2008 – poteva permettersi veti. Anche se questo non lo preservò dallo scontro interno che fu comunque deleterio per il governo che espresse. La politica è faticosa e ha bisogno anche degli antipatici: quel che conta è la volontà di battersi insieme per un programma da condividere e contro avversari comuni. Altrimenti, ad ognuno la propria strada, sapendo che non sarà più possibile invocare alcun voto utile quando si sceglie il percorso della sconfitta per egoismo. Da Orvieto dovrà invece partire un messaggio netto che dia voce ad una destra diffusa che esiste ma non trova reale rappresentanza. Siamo noi a dover decidere se e che cosa intendiamo proporre all’Italia: è la libertà che ci hanno tramandato, una preziosa eredità da custodire e trasmettere. C’è stata una destra grande e tale deve tornare ad essere. Se son fiamme, bruceranno”. Lo scrive, in una nota, Francesco Storace, segretario nazionale de La Destra.


MARATONA, ZINGARETTI: “ESEMPIO DI CHI AFFRONTA DIFFICOLTÀ”
Una delle cose che rende, a mio giudizio, la maratona unica e Roma una città unica al mondo, è che sarà un bell’evento non soltanto per coloro che correranno ma sarà anche una giornata dedicata ad amare, da parte di tutti noi, ancora di più questa bella città”. Queste le parole di Nicola Zingaretti, presidente della Regione Lazio, in occasione dell’inaugurazione del Marathon Village all’Eur. Il presidente, a proposito della capitale e dell’attuale situazione ha poi commentato “Bisogna sempre essere vigili e soprattutto, quando ci sono delle difficoltà, come quelle che sta vivendo Roma in questi ultimi tempi, bisogna reagire e non fermarsi a contemplare le cose che non vanno. Vanno guardati in faccia i mostri delle cose che non vanno e, lo ripeto, bisogna reagire. Non bisogna mai gettare la spugna ma combattere per rendere questa città migliore. La maratona di Roma è un esempio in questo senso, perché negli anni si è conquistata uno spazio. Questa maratona è entrata nella storia di questa meravigliosa città”. Rispetto ai numerosi partecipanti attesi, circa 100.000 (tra coloro che prenderanno parte alla gara e coloro che correranno in modalità non competitiva), Zingaretti infine ha aggiunto: “All’enormità dei problemi corrisponde, se uno ci mette lo spirito giusto, l’enormità delle opportunità”.

Rispondi alla discussione

Facebook