sabato 13 Aprile 2024,

Dai Comuni

Ξ Commenta la notizia

Formia, il piano della mobilità suscita perplessità

scritto da Redazione
Formia, il piano della mobilità suscita perplessità

Rileviamo, innanzitutto, positivamente il tentativo dell’Amministrazione Comunale di comunicare con i cittadini sul Piano Mobilità, visto che l’apposito sito web della TAU oltre a consentire di prendere visione di quanto è stato fino ad oggi elaborato, sembra anche voler fungere da interfaccia con i cittadini, consentendo loro in un apposito forum di fare osservazioni e proporre idee, delle quali, tuttavia, non è chiaro quale sarà il livello di ascolto ed accoglienza. Noi ci auguriamo che i suggerimenti dei cittadini, se espressione di interessi comuni condivisi, possano tradursi in reali modifiche e integrazioni dei vari piani e che il tutto non si riduca ad un pour parlé di facciata a “babbo morto”, così, tanto per dare come spesso accade un’effimera infarinata di democrazia partecipata ad un’iniziativa invece già irrimediabilmente definita nei suoi particolari nei piani alti della politica cittadina.
Ad un primo approccio non possiamo comunque che ribadire i dubbi e le perplessità già a suo tempo espresse di fronte alle linee generali del Piano illustrateci dall’Assessore Marciano e dalla TAU a novembre del 2014, cui la documentazione pubblicata in questi giorni sembra assolutamente conforme senza aggiungere granché di nuovo.
Cercheremo di appurare quanto sia dettagliata la nuova documentazione messa a disposizione per formulare anche noi eventuali idee e proposte, ma già fin da ora possiamo affermare che sarà difficile per noi, come Meetup del M5S, farlo finché il Piano non sarà completo in tutte le sue parti, visto che al momento risulta invece orfano di quella che a nostro giudizio è la parte più importante per una visione completa di un Piano della Mobilità di qualsiasi città, cioè il Piano Trasporti.
A nulla per noi rileva conoscere il senso di marcia di una strada o il numero ed il posizionamento delle rotonde o il dislocamento dei posti auto o le varie tariffe se non conosciamo anche cosa intende fare il Comune con il servizio di trasporto pubblico, vale a dire efficienza degli automezzi, numero delle corse, percorsi, fermate, stazionamenti, tariffe, agevolazioni, coordinamento con la Stazione FS, con il porto, con i parcheggi e con la circolazione privata.
Restiamo in attesa, dunque, di capire se questa Amministrazione stia predisponendo un Piano Mobilità monco ed orientato essenzialmente alla creazione di nuovi posti auto a pagamento ed alla realizzazione di ristrutturazioni stradali magari tanto costose quanto superflue, o se davvero si vuole decongestionare il centro città dal traffico e dalla sosta selvaggia delle auto private privilegiando il trasporto pubblico, la pedonalità, la tutela delle utenze più disagiate, il verde pubblico, gli spazi di aggregazione, avviando finalmente Formia su un percorso virtuoso di vivibilità ed efficienza, in attesa che la città lo completi sicuramente quando sarà governata dal MOVIMENTO 5 STELLE.

Rispondi alla discussione

Facebook