venerdì 05 Marzo 2021,

News

Ξ Commenta la notizia

Terracina. La giornata perfetta. Intervento del sindaco Nicola Procaccini

scritto da Redazione
Terracina. La giornata perfetta. Intervento del sindaco Nicola Procaccini

Poche volte nella vita capita che i pezzi di una giornata combacino alla perfezione, dando vita alla giornata perfetta. È successo ieri a Terracina. Innanzitutto la promozione in serie D: voluta, combattuta, meritata. Quando la rabbia e l’amore superano ostacoli, ingiustizie, e talvolta anche nostri errori. Ma lottando insieme, senza divisioni, tutto diventa possibile. E allora grazie al Presidente Attilio Saturno, ai ragazzi di mister Cucciari, alla mitica Curva Mare (e pure alla curva Cannucce…), a tutti i terracinesi che hanno sofferto, gioito e cantato. Nella giornata perfetta di ieri altri terracinesi si rendevano protagonisti di una grande vittoria con i colori della propria nazionale, davanti alle televisioni di mezzo mondo. Sono Fabio, Simone, Paoletto, quelli del beach soccer che insieme a Mr. del Duca e a tanti altri negli anni hanno consacrato Terracina come la capitale italiana ed europea del calcio sulla sabbia. Nella giornata perfetta di ieri, in cui tutti avrebbero voluto essere a Terracina, io purtroppo non c’ero. Ero in Turchia, a ricevere dalle autorità di Istanbul la bandiera ufficiale del campionato mondiale offshore che si disputerà nella nostra città dal 18 al 20 ottobre. Maggiori dettagli verranno svelati nei prossimi giorni. Per il momento mi limiterò a dire che si tratta di un evento straordinario, ricco di fascino e opportunità. Purtroppo in questi giorni Istanbul è scossa da gravi incidenti che hanno parzialmente rovinato l’evento sportivo. Ma prima di lasciarla per tornare a casa, ho voluto salutare alcuni ragazzi protagonisti dei fatti di piazza Taksim. Uomini e donne con coraggio da vendere. I quali mi hanno ricordato come, anche in una giornata sportivamente perfetta, ci sono ancora uomini e donne che si battono per cose molto più importanti, come la libertà nelle proprie vite. Tutto ciò mi ha fatto pensare a quella fiaccolata contro di me che avrebbe dovuto tenersi nelle stesse ore a Terracina. Di cui non starò a commentare numeri, protagonisti o dichiarazioni. Dico solo che è sempre bello quando si scende in piazza per le proprie idee. Anche se non le si condivide. Terracina è viva finalmente. Questa è l’unica cosa che conta.

Nicola Procaccini

Rispondi alla discussione

Facebook