domenica 21 Aprile 2024,

Primo Piano

Ξ Commenta la notizia

Terracina – Comune. “In risposta all’assessora al bilancio Tasciotti

scritto da Redazione
Terracina – Comune. “In risposta all’assessora al bilancio Tasciotti

Ringraziamo l’assessore per l’illuminante approfondimento sul bilancio.

Benché i concetti di competenza e cassa siano familiari, è fondamentale che vengano chiariti ai cittadini i cambiamenti previsti rispetto al 2023: un aumento della spesa per mantenere l’ente e della tassazione per i cittadini, contrariamente a quanto precedentemente dichiarato tramite i media.

È evidente che non vi saranno investimenti al di fuori del Pnrr, il quale è stato gravemente compromesso dalla mancata individuazione di una nuova sede per gli operatori di mercato, con il serio rischio di perdere le risorse assegnate dall’Europa.

Gli unici investimenti previsti nel 2026 saranno possibili solo contraendo nuovi mutui!

L’assessore dovrebbe spiegare ai cittadini che il Comune investirà solamente la metà delle risorse rispetto al 2023, mentre aumenterà la spesa sociale per ripianare le perdite dell’azienda speciale e non per implementare i servizi alle persone!

Nessuno, nemmeno l’assessora che si è cimentata nella difesa dell’ente, ha chiarito ai cittadini se il Comune è uscito dal commissariamento.
Tutti attendiamo con ansia una riduzione delle tasse comunali ancora al massimo causa commissariamento.

Attualmente, ogni cittadino contribuisce alle casse comunali con circa 1700 € annui nei periodi 2024/2025/2026, rispetto ai circa 1500 € pro capite degli anni precedenti.

Tuttavia, anziché ridurre la pressione fiscale, l’amministrazione Giannetti ha deciso di aumentare le tasse per i cittadini di Terracina.

La spesa per sostenere l’ente, pro capite per i terracinesi, ammonta a 1100 € all’anno, mentre la spesa per gli investimenti a favore dei cittadini è di soli 300 € pro capite annui, rispetto ai 600 € del 2023.

Ancora non è chiaro perché nessun membro della maggioranza abbia spiegato come ridurre il fondo dei crediti di dubbia esigibilità, aumentare la capacità di riscossione dell’ente e incrementare le entrate.

Attendiamo risposte concrete. La collaborazione va oltre le parole, si manifesta attraverso azioni e dialogo costruttivo, accogliendo critiche e proposte.

Secondo un proverbio popolare

“Le azioni parlano più forte delle parole e noi crediamo alle azioni, non alle parole perché esse ci dicono la verità!”

Pierpaolo Chiumera
Capogruppo Pd
Comune di Terracina

I commenti non sono chiusi.

Facebook