sabato 18 Maggio 2024,

Dai Comuni

Ξ Commenta la notizia

Terracina. “Bici, sono arrivate le nuove rastrelliere”

scritto da Redazione
Terracina. “Bici, sono arrivate le nuove rastrelliere”

Dopo aver indetto una gara pubblica (andata deserta) per l’acquisto delle nuove rastrelliere, il giorno 11 febbraio 2013, con determinazione dirigenziale, l’incarico è stato affidato alla ditta Antonio Alonzi di Terracina, il quale al prezzo di 6.050,00 euro, IVA inclusa, ne ha consegnate al Comune ben 75 al posto delle 50 previste nel disertato bando di gara.
“In queste ultime ore gli operai incaricati stanno montando le nuove rastrelliere in punti strategici della città – afferma l’assessore ai lavori pubblici Pierpaolo Marcuzzi: in particolare in via Roma, viale della Vittoria, piazzale Lido, piazza Domitilla e presso il Polo dei Trasporti della Stazione.
Nella prima fase dell’avviata operazione rastrelliere, queste sono state tutte installate nel perimetro del centro storico, ma prima della fine dell’anno l’amministrazione comunale ha in programma la copertura quasi totale dell’intero territorio comunale”.
“Quella di rinnovare e incrementare il parco rastrelliere portabici della città – dichiara l’assessore alla mobilità Paolo Cerilli – è stata una promessa mantenuta dall’amministrazione comunale, giunta anche su sollecitazione delle associazioni che riuniscono gli amanti delle due ruote, le quali lamentavano il fatto che le vecchie in cemento erano insufficienti e ponevano a rischio furto le bici.
Le prime 75 rastrelliere, già  posizionate in luoghi importanti e simbolici della città, permetteranno agli utenti delle due ruote di vivere meglio la loro mobilità all’interno della città e parcheggiare in tutta sicurezza la bicicletta.
Le rastrelliere – termina l’assessore Cerilli – sono state poste, con uguale dignità, vicino agli stalli che ospitano il parcheggio delle autovetture e dei motocicli, ma è chiaro che andare in bicicletta, rinunciando a spostarsi in auto, fa parte delle buone pratiche che tutti dovremmo adottare”.  

Rispondi alla discussione

Facebook