lunedì 17 Giugno 2024,

Provincia di Latina

Ξ Commenta la notizia

Sorriso sul Mare, incontro decisivo in Provincia di Latina

scritto da Redazione
Sorriso sul Mare, incontro decisivo in Provincia di Latina

Si terrà giovedì 20 dicembre a Latina  una nuova e decisiva riunione del Tavolo di concertazione sociale per dirimere le gravi questioni sociali e occupazionali che investono la Casa di cura “Sorriso sul Mare” di Formia. Sono a rischio occupazione, dichiara D’Arco, oltre 100 lavoratori e la chiusura definitiva di una importante e storica struttura socio-sanitaria che fino ad ora ha servito un ampio bacino d’utenza di malati psichici provenienti dall’intero comprensorio del basso Lazio e in parte dal comprensorio nord della Regione Campania.
Si tratta, afferma l’Assessore, di una crisi davvero singolare che non attiene a problematiche finanziarie né tantomeno alla mancanza di utenza ospedaliera. Si tratta semplicemente di dare corso ad un adeguamento strutturale e organizzativo dell’attuale Casa di cura alle più recenti normative emanate sia a livello regionale che nazionale.
Da troppo tempo, continua D’Arco, assistiamo ad un incomprensibile e insopportabile “scarica barile” tra la Regione Lazio e la Società di gestione circa la corretta interpretazione della normativa vigente e dei necessari adeguamenti organizzatavi e strutturali finalizzati ad ottenere i requisiti  per l’accreditamento regionale. In seguito alle recenti disposizioni emesse dal Tar del Lazio, dichiara D’Arco, l’Amministrazione della Casa di cura ha finalmente dichiarato formalmente che intende ottemperare, d’intesa con la Regione Lazio, a tutto quanto sentenziato da, Giudice Amministrativo, chiedendo a tal fine un apposito tavolo tecnico e amministrativo tra Regione e Casa di Cura.
Si tratta ora, sottolinea D’Arco, di uscire definitivamente dai contenziosi amministrativi e burocratici tra Regione e Società facendo prevalere il senso primario della responsabilità sociale, avendo tutti la piena consapevolezza che nella fattispecie sono in gioco oltre 100 lavoratori e tantissime famiglie e pazienti bisognosi di cura e assistenza.
Pertanto al prossimo incontro chiederò con forza alla Regione Lazio e alla Casa di Cura impegni chiari e decisivi con l’obiettivo prioritario di attivare rapidamente un tavolo tecnico congiunto tra le parti in causa per definire in tempi brevi un puntuale Piano di adeguamento strutturale e organizzativo così come richiesto dalla normativa vigente in materia.
In tale contesto mi auguro che la Regione Lazio, nella sua rappresentanza politico-istituzionale, non riduca questa vicenda ad una situazione “meramente burocratica” ma tenga in debito conto tutto il suo valore sociale e occupazionale che riguarda l’interesse generale  dell’intero comprensorio del  baso Lazio.

Silvio D’Arco – Assessore Provincia di Latina

Rispondi alla discussione

Facebook