domenica 17 novembre 2019,
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo

Primo Piano

Ξ Commenta la notizia

Approvata la mozione per non perdere i finanziamenti dell’ex carcere di Santo Stefano

scritto da Redazione
Approvata la mozione per non perdere i finanziamenti dell’ex carcere di Santo Stefano

“Ritengo importante l’approvazione unanime del Consiglio regionale della mozione che impegna il presidente Zingaretti e la giunta regionale ad intervenire sulla vicenda del progetto di recupero del carcere di Santo Stefano ed eventualmente a chiedere una proroga della scadenza del finanziamento. Occorre evitare che gli 80 milioni di euro, finanziati dal Fondo per lo sviluppo e coesione 2014-2020, vadano perduti. Il tempo stringe, dal momento che la scadenza di questi fondi è fissata per il 1 gennaio 2021. Se non saranno impegnati entro quella data, per lavori di consolidamento della struttura, cambieranno destinazione d’uso. La struttura oggi si presenta in uno stato di totale abbandono con edifici pericolanti e anche il semplice approdo all’isola, vietato per il rischio di incolumità pubblica, risulterebbe difficile.

Nell’ottobre del 2015 è stato costituito un Tavolo tra Ministero per i beni e le attività culturali, regione Lazio, Agenzia del demanio e comune di Ventotene e nel gennaio del 2016, l’allora premier Renzi, il ministro Franceschini e il presidente della Regione Lazio Zingaretti annunciarono il piano di recupero. Nel febbraio 2018 si è svolta l’ultima riunione del tavolo permanente per proseguire l’iter del progetto di recupero e da allora non è stato più convocato. Manca poco più di un anno alla scadenza del finanziamento da 80 milioni e serve accelerare i tempi. Dalla Regione Lazio mi aspetto un intervento rapido che favorisca il recupero di un luogo di inestimabile valore architettonico e culturale”.

Lo dichiara in una nota Giuseppe Simeone, capogruppo di Forza Italia al Consiglio regionale del Lazio e presidente della commissione Sanità, politiche sociali, integrazione sociosanitaria e welfare

 

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+