sabato 18 Maggio 2024,

Provincia di Latina

Ξ Commenta la notizia

Minturno: assolto Del Balzo

scritto da Redazione
Minturno: assolto Del Balzo

Romolo Del Balzo, insieme a Pino Sardelli, Carmine Violo, Anacleto Fini e Gerardo Ruggeri, è stato assolto con formula piena dai giudici della Terza Sezione della Corte d’Appello di Roma dalle accuse che gli erano state mosse in merito ad una complessa indagine sulla gestione dei rifiuti confluite nel processo Ego Eco. Accuse che avevano portato addirittura all’arresto di Romolo Del Balzo che allora ricopriva il ruolo di presidente del consiglio comunale a Minturno e di consigliere regionale del Lazio in quota al Pdl. Era il 2010 quando si verificarono i fatti. Sono trascorsi quasi sei anni da qual giorno. Anni in cui Romolo Del Balzo è stato letteralmente messo alla gogna, additato come una persona diversa da quella che è ed è sempre stata, onesta, generosa, che ha inteso la politica come dedizione per gli altri, come impegno per migliorare la vita delle comunità che rappresenta. Non avevo dubbi sul fatto che avrebbe avuto modo di dimostrare la sua innocenza ed estraneità ai fatti. Conosco Del Balzo da quella che potrei definire una vita e sapevo che con le accuse che gli sono state mosse non aveva nulla a che fare. Ma mi domando oggi chi risarcirà il politico di grandi capacità, l’uomo e la sua famiglia del danno subito. La conclusione della vicenda testimonia e gela quanti avevano già emesso sentenze, dato giudizi morali, espresso una bocciatura di un’intera classe dirigente. La verità emerge ma emerge anche la pochezza di un mondo che si erge a giudice degli altri per l’infamia di disconoscere le capacità altrui nell’idea che tutti siamo mediocri allo stesso modo. Romolo Del Balzo oggi esce a testa alta da questa drammatica vicenda. Spero gli siano riservati gli stessi titoli e gli stessi spazi con cui fu sottoposto a pubblico ludibrio da un sistema che non indaga ma si erge a cassazione della vita”. Lo dichiara in una nota il consigliere regionale di Forza Italia, Giuseppe Simeone.

Rispondi alla discussione

Facebook