lunedì 17 Giugno 2024,

Cronaca

Ξ Commenta la notizia

Latina. Rapinarono imprenditore nella sua villa, due arresti

scritto da Redazione
Latina. Rapinarono imprenditore nella sua villa, due arresti

Lo scorso settembre avevano fatto irruzione nella villa di un imprenditore del capoluogo pontino, avevano legato e imbavagliato lui e la moglie minacciandoli con una pistola e un coltello e poi erano fuggiti con un bottino di circa 30mila euro tra contanti, gioielli e un’auto della famiglia. Due dei componenti della banda sono stati identificati e arrestati dalla Squadra mobile di Latina. Si tratta di un cittadino rumeno, Bogdan Iulian Nenica, 20 anni, uno degli esecutori materiali del colpo consumato all’interno della villa di Borgo Bainsizza, e di Bernardino Franzese, 25 anni, di Latina. Quest’ultimo, secondo gli investigatori, è il mandante italiano della violenta rapina, era in rapporti d’affari con le vittime e quindi perfettamente a conoscenza delle loro abitudini e delle loro disponibilità economiche. Secondo quanto accertato nel corso dell’indagine, era stato lui stesso ad effettuare i sopralluoghi nella villa, a fornire ai rumeni le informazioni necessarie per realizzare il colpo e ad accompagnare sul posto i quattro componenti della banda la sera stessa della rapina. Ad agire erano stati quattro uomini incappucciati, armati di pistola e coltello, che si erano introdotti nella villetta e avevano atteso il rientro in casa dell’imprenditore e di sua moglie. I quattro hanno colpito ripetutamente le due vittime con il calcio della pistola, le hanno legate con del nastro da imballaggio e hanno poi infierito sulla donna con la punta del coltello per costringere il marito a rivelare il nascondiglio del denaro. Dopo il colpo erano riusciti a fuggire a bordo di un’auto di proprietà dei coniugi, poi rintracciata in provincia di Frosinone. L’indagine ha consentito alla Squadra mobile, guidata dal vicequestore Sebastiano Bartolotta, di porre l’attenzione su una banda di rumeni domiciliati a Frosinone. Sulla base dei dati ricavati dalle utenze cellulari sono stati individuati i quattro uomini che nella serata del 16 settembre 2012 da Frosinone si sono spostati nella zona di Borgo Bainsizza, a Latina, in orari compatibili con quelli in cui veniva messa a segno la rapina. Nel corso delle perquisizioni a carico degli indagati sono state rinvenute le ricetrasmittenti impiegate durante la rapina, l’arma rivelatasi giocattolo priva di tappo rosso ed alcuni orologi di pregio trafugati dall’abitazione delle vittime. Altri tre complici di nazionalità rumena risultano attualmente irreperibili. Tutti dovranno rispondere dei reati di rapina aggravata, sequestro di persona e lesioni.

Rispondi alla discussione

Facebook