domenica 23 Giugno 2024,

News

Ξ Commenta la notizia

Ciolf (M5S): Chiesto intervento urgente di Sindaco e Giunta, per il precario stato della Polizia Municipale

scritto da Redazione
Ciolf (M5S): Chiesto intervento urgente di Sindaco e Giunta, per il precario stato della  Polizia Municipale

«Poche unità operative e carenza di spazi. Non si era detto che la sicurezza era una priorità?»
«È urgente implementare l’organico della Polizia Locale con scelte politiche coraggiose che
consentano di impegnare le risorse economiche necessarie a un adeguamento del piano
assunzionale. L’attuale amministrazione di centrodestra, che ha fatto della sicurezza un punto
cardine del programma elettorale, mantenga le promesse e le sostanzi con azioni concrete». Lo
chiede il capogruppo del M5S in Consiglio comunale, Maria Grazia Ciolfi, alla luce di quanto
emerso nelle ultime commissioni Pianificazione e Trasporti sui temi della videosorveglianza e del
nonno vigile.
«Le sedute – spiega Ciolfi – hanno riportato il focus sullo stato di grave carenza di personale in cui
versa la Polizia Municipale di Latina. Le funzioni esercitate sono molteplici (polizia stradale,
ambientale, giudiziaria, edilizia, commerciale, mortuaria, ordine pubblico, accertamenti anagrafici e
residenziali) a fronte di un numero sempre più esiguo di agenti: la pianta organica non raggiunge le
70 unità contro le oltre 300 previste dalla normativa vigente. Di queste solo poco più della metà sono
operative su strada e il numero non è destinato a crescere nemmeno sulla scorta del concorso
bandito dalla precedente amministrazione ed espletato dal Commissario. I nuovi assunti, infatti, non
hanno significativamente aumentato l’organico, ma solo sostituito la contestuale quota di personale
che ha avuto riconosciuto l’avanzamento di carriera e che è stata assegnata ad altri servizi comunali.
Abbiamo un parco mobile di eccellenza, ma sottoutilizzato perché non ci sono gli agenti».
Un’altra importante criticità è legata alla sede della Polizia Locale in Piazza dei Mercanti: «Da diversi
anni – segnala la consigliera – coincide con la casa comunale e come tale riceve una quantità
abnorme di atti, per la maggior parte mancate notifiche dell’Agenzia delle Entrate. Quest’anno siamo
a quota 15mila, ma il numero è destinato a crescere. Carte letteralmente accatastate lungo i corridoi
per carenza di spazi. Un enorme lavoro d’ufficio e d’archivio priva gli agenti all’operatività».
«L’opera di costruzione di parte dello stesso stabile, inoltre, non è mai stata completata. Questo
spazio, che potrebbe fungere anche da archivio, è in stato di abbandono, al pari di altre ben note
incompiute in città. Chiedo alla Sindaca e agli assessori competenti – conclude la consigliera – di
dare seguito alle promesse elettorali e di mettere al più presto mano alla riorganizzazione e
implementazione di questo pilastro dell’amministrazione comunale, la cui normale attività
porterebbe oltre che a garantire la sicurezza in città, anche a un incremento degli introiti nelle casse
dell’Ente, derivati dai proventi di sanzioni da destinare a manutenzione e decoro urbano».

I commenti non sono chiusi.

Facebook