sabato 19 settembre 2020,

Primo Piano

Ξ Commenta la notizia

Fondi – elezioni. Un programma per le periferie, e la valorizzazione e riequilibrio territoriale

scritto da Redazione
Fondi – elezioni. Un programma per le periferie, e la valorizzazione e riequilibrio territoriale

La contrapposizione centro-periferia costituisce un fattore di squilibrio territoriale che, invero, riguarda più in generale la lettura nazionale della città—moderna.

Le zone periferiche, frazioni, zone di campagna, di collina, sono associate, quasi sempre, ad un’accezione negativa, quali aree deboli, distanti, con problemi di carenza di servizi pubblici di vario tipo, legati alla struttura urbana, edilizia, mancanza di adeguati collegamenti, di spazi idonei relazionali di vita.

Mentre il centro urbano è visto e considerato la parte vitale della città. sede principale e a volte esclusiva dei servizi pubblici, luogo culturale, espressione dei valori identitari della comunità locale.

La città di Fondi, con popolazione di circa 40 mila abitanti, con una estensione territoriale di circa 144 km2 (al quinto posto in provincia dopo Latina, Aprilia, Sabaudia, Cisterna di Latina), caratterizzata da ben 12 frazioni è chiamata a valutare tale problematica in tutta la sua complessità.

Occorre pertanto un approccio organico, integrato. Un progetto unitario pur se articolato in azioni differenti, propedeutiche, inerenti la riqualificazione fisica, sociale, ambientale, la valorizzazione dell’identità peculiare storico-monumentale, di interesse religioso, degli usi e costumi, delle tradizioni di ogni comunità periferica.

L’obiettivo della nuova amministrazione comunale è mirato a favorire la partecipazione dei cittadini ivi residenti alle decisioni, agli atti amministrativi da adottare a tal fine, tramite eventuali eletti nel Consiglio comunale, i comitati delle frazioni territoriali, le associazioni, nelle forme e nei modi previsti dagli abitanti stessi nella loro piena autonomia decisionale.

In tal senso assume particolare importanza l’esperienza dei “bilanci partecipati”, che consentono ai cittadini di partecipare alla gestione di quote del bilancio del comune, mediante incontri e assemblee pubbliche.

Occorre superare la logica di eslusivo interesse clientelare, legata al voto, il procedere in maniera disorganica, che genera gravi discriminazioni nei confronti delle altre zone maggiormente bisognevoli di interventi prioritari.

L’obiettivo PROGRAMMATICO  della coalizione civica a sostegno di Luigi Parisella sindaco, mira a rimuovere gli elementi di criticità della varie contrade, richiede pertanto un capovolgimento dei metodi finora seguiti in termini di scelte, decisioni, atti amministrativi.

 

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+