martedì 28 Maggio 2024,

Provincia di Latina

Ξ Commenta la notizia

Blocco contratti, danno a lavoratori ed economia del Lazio

scritto da Redazione
Blocco contratti, danno a lavoratori ed economia del Lazio

«Il blocco dei contratti per i pubblici dipendenti è un danno, oltre che per lavoratori e servizi pubblici, per l’economia di questo paese. Lo è in particolare, ha ragione il Presidente Nicola Zingaretti, per l’economia della Regione Lazio nella quale, come si sa, l’aggregato dei dipendenti pubblici è consistente e rappresenta uno dei fattori di crescita. In alcuni casi i numeri parlano da soli. Nel Lazio i dipendenti pubblici rappresentano il 12% del totale, seconda regione in Italia dopo la Lombardia in valore assoluto. Esclusa la scuola e le forze armate i dipendenti pubblici del Lazio sono poco più di 160mila, il 15% in meno dei 180 mila del 2008 a causa del blocco indiscriminato del turn over. Il calo ha riguardato tutti i settori pubblici che a fine 2013 contavano: Servizio Sanitario Nazionale (51.201), Regioni ed Autonomie Locali (49.678), Ministeri (44349), Agenzie Fiscali (7984), Vigili del fuoco (3616) Enti pubblici non Economici (INPS, INAIL ecc..) (10743). Il reddito di queste lavoratrici e lavoratori è fermo ormai dal 2009, anno in cui è stato effettuato l’ultimo rinnovo contrattuale, e la perdita secca media pro capite è di circa, secondo i nostri calcoli, 4 mila euro in 5 anni. L’ulteriore blocco rappresenta un ulteriore arretramento del pubblico nei servizi di interesse generale. La FP CGIL di Roma e Lazio ritiene indispensabile l’apertura del confronto per definire il rinnovo contrattuale economico e normativo (delineare un modello organizzativo, individuare nuove professionalità ecc..). Elementi senza i quali non si capirebbe su quali gambe possa camminare il cambiamento tanto decantato. Ci aspettiamo da tutte le Istituzioni territoriali interventi concreti sul Governo per rivedere questa decisione sbloccare il turn over e i contratti nazionali dei lavoratori pubblici». Lo afferma in una nota Natale Di Cola, Segretario Generale Cgil Funzione Pubblica Roma e Lazio.

Rispondi alla discussione

Facebook