venerdì 23 Febbraio 2024,

Primo Piano

Ξ Commenta la notizia

Azienda Speciale Terracina. Associazione Caponnetto:”Soddisfatti parzialmente dalla sentenza della Corte dei Conti”

scritto da Redazione
Azienda Speciale Terracina.  Associazione Caponnetto:”Soddisfatti parzialmente dalla sentenza della Corte dei Conti”

Nei giorni scorsi la Corte dei Conti, sez giurisdizionale del Lazio, ha condannato la direttrice dell’Azienda Speciale Terracina, Carla Amici “a titolo di dolo”, ed in via sussidiaria ed in solido tra loro, altre nove persone tra ex dirigenti della medesima azienda, revisori dei conti ed ex amministratori, tra le quali spicca l’ex Sindaco di Terracina Roberta Tintari, l’ex Assessore Emanuela Zappone, al risarcimento della somma di 163.000,00 euro circa, più interessi e rivalutazioni di legge e spese legali da liquidare separatamente.

Il procedimento, avviato dalla Corte dei Conti su esposto della nostra Associazione, è arrivato a tale sentenza sulla base della riconosciuta illegittimità degli incarichi aggiuntivi conferiti alla Direttrice quale consulente in materia fiscale, tributaria e del lavoro della medesima Azienda da lei diretta, sebbene dette materie fossero statuariamente riconducibili al ruolo di direzione dalla stessa ricoperto e “pur a fronte dei chiari rilievi della Ragioneria generale dello Stato”.

Pur esprimendo soddisfazione per il positivo esito del nostro esposto, riteniamo comunque parziale il risultato raggiunto, in quanto l’ulteriore questione da noi sollevata, peraltro fatta propria dal Procuratore Generale Abbondanza nelle sue richieste di condanna, relativa all’applicazione dell’esoso Contratto di Lavoro auto-applicatosi dalla Direttrice, non ha trovato accoglimento dalla Corte. Auspichiamo però che nel proseguo dell’iter giudiziario da parte della Corte d’Appello venga valutato anche questo aspetto.

Inoltre auspichiamo, ed agiremo in tal senso, che vengano alla luce anche gli ulteriori aspetti di questa vicenda che determinano, a nostro avviso, un danno all’erario pubblico, quali, ad esempio, l’incompatibilità rispetto al CCNL applicato, dei diversi ed esosi contratti individuali che l’ Azienda Speciale Terracina ha stipulato con il proprio direttore, dove sono stati accordati superminimi individuali di 500,00 euro mensili, maggiorazioni di stipendio non legate ad alcuna contrattazione sindacale che preveda obiettivi verificabili, etc.

Certo è che dopo le vicende demanio, giostre, area Stella Polare, Pro Infantia, dopo i sequestri demaniali sul lungomare, l’inchiesta Free Beach, le indagini ancora aperte della Procura di Latina e della DDA di Roma come riportato dal quotidiano la Repubblica, ed infine, ma non per importanza, delle presenza ormai alla luce del sole della malavita organizzata nelle sue diverse articolazioni, Terracina rappresenta tristemente un territorio da tenere costantemente sotto osservazione. In questo senso facciamo appello alla Procura della Repubblica di Latina e alle forze di Polizia Giudiziaria affinché si intensifichi l’attenzione e il monitoraggio dei movimenti di capitale, e dei continui cambi di proprietà di attività commerciali e di pubblici esercizi.

Così come facciamo appello alle autorità inquirenti affinché le indagini, ormai da troppo tempo in corso, trovino al più presto uno sbocco definitivo nell’interesse sia della Giustizia che delle persone oggetto d’indagini.

Il Referente Area Pontina

Vittorio Marzullo

La Segretaria Nazionale

Simona Ricotti

I commenti non sono chiusi.

Facebook