sabato 02 Marzo 2024,

News

Ξ Commenta la notizia

A proposito di banche

scritto da Redazione
A proposito di banche

BANCHE, BOSCHI: SFIDO FIRMATARI, NESSUNO METTA IN DISCUSSIONE MIA ONESTÀ
Senza il decreto salva-banche un milione di risparmiatori avrebbero visto azzerare i risparmi e 7mila lavoratori perdere il proprio posto di lavoro. Tra questi non c’era mio fratello perchè uscito prima. L’unico legame di mio fratello con la banca Etruria è quello di aver sposato una collega e avere acceso un mutuo. Giudichino i colleghi se io sono venuta meno ai miei doveri istituzionali o favorito la mia famiglia o tratto qualche vantaggio“. Lo ha detto il ministro Maria Elena Boschi durante la discussione della mozione di sfiducia nei suoi confronti alla Camera dei deputati.
Mio padre è stato sanzionato e le nostre azioni azzerate – continua Boschi – I miei colleghi sono liberi di pensarla come vogliono. So che fare i ministro a 34 anni può attirare maldicenze e invidie. Io ho la solidarietà di colleghi e cittadini. Voglio sfidare i firmatari: mi si dica che sono venuta meno ai miei doveri istituzionali e mi dimetterò oggi, mi si dica che ho favorito la mia famiglia e non aspetterò nemmeno la votazione ma non vi consento di mettere in discussione la mia onestà. Auguro di giudicare i fatti per quelli che sono perchè la realtà dei fatti è molto più forte di ogni strumentalizzaione. Questo governo è attrezzato per respingere gli attacchi e portare avanti il cambiamento. Andremo avanti senza arroganza ma con coraggio di chi sa di portare avanti un progetto per il bene dell’Italia“.


BOSCHI: ATTACCATE ME PER INDEBOLIRE GOVERNO? LASCIATE PERDERE
E’ ATTREZZATO PER AFFRONTARE ATTACCHI E PORTARE CAMBIAMENTO NEL PAESE
Voglio dire, a chi immagina, attaccando me, di indebolire il governo: lasciate perdere, questo governo è attrezzato per affrontare gli attacchi e portare il cambiamento in questo Paese” e lo fa “con il coraggio di chi sa di dare all’Italia una nuova opportunità“. Maria Elena Boschi, ministro per le Riforme e i Rapporti con il Parlamento lo dice nell’Aula della Camera in sede di replica alla mozione di sfiducia presentata da M5S.
Con il nostro governo siamo tutti uguali davanti alla legge“, aggiunge Boschi, e “la realtà dei fatti è molto più forte di ogni strumentalizzazione“, per cui “non vi consento di mettere in discussione la mia onestà” e “non lo consente la realtà dei fatti portati in Aula“.


BANCHE. BOSCHI: ‘GRANDE CONFLITTO INTERESSI’ DA 369 EURO MAI INCASSATI
MIEI FAMILIARI HANNO VISTO RIDURSI IMPORTO DI 2.600 EURO
Il grande conflitto di interesse riguarda 369 euro e non e’ stato mai realizzato perché ho venduto quelle azioni“, ed è “di questo che stiamo parlando al Paese“. Maria Elena Boschi, ministro per le Riforme e i Rapporti con il Parlamento lo dice nell’Aula della Camera in sede di replica alla mozione di sfiducia presentata da M5S.
Analaogo discorso vale per le azioni detenute dalla mia famiglia“, aggiunge Boschi, con i familiari che “hanno visto ridursi l’importo per una somma complessiva di 2.600 euro“: ecco, di fronte a queste cifre “non vi pare di esagerare?“.


BANCHE. VERINI (PD): ATTACCHI A BOSCHI DAL SAPORE VOLGARE E MASCHILISTA
Respingiamo al mittente questo attacco al ministro Boschi“. In questi giorni, “abbiamo toccato con mano anche un sapore volgare e maschilista che qualifica chi lo interpreta“, e che forse “mal sopporta che in ruoli importanti, anche nelle istituzioni, possano esserci donne importanti e competenti“. Lo dice il deputato Pd Walter Verini, alla Camera, sulla mozione di sfiducia al ministro Boschi presentata dal M5s.


BANCHE. BOSCHI: SE MIO PADRE HA SBAGLIATO PAGHI MA NON DECIDE TALK SHOW
IN ITALIA CHE STIAMO RICOSTRUENDO NO SPAZIO PER DUE PESI E DUE MISURE
Se mio padre ha sbagliato deve pagare, non ho dubbi“, perché “nell’Italia che stiamo ricostruendo non c’è spazio per due pesi e due misure“, però la colpevolezza o meno di Pierluigi Boschinon lo decide il tribunale dei talk show“. Maria Elena Boschi, ministro per le Riforme e i Rapporti con il Parlamento lo dice nell’Aula della Camera in sede di replica alla mozione di sfiducia presentata da M5S. Per andare a scuola “mio padre ogni giorno faceva 5 chilometri all’andata e 5 al ritorno e 40 min di treno – dice Boschi- questa è la storia umile e forte della mia famiglia e non le meschinità dette e scritte in questi giorni“. Certo, dice il ministro, “so che queste sono le regole del gioco ma vorrei un giorno che i miei figli siano oriogogliosi del loro padre come io del mio“.


BANCHE. BOSCHI: FIERA DI MIO PADRE, E’ UNA PERSONA PERBENE
Lasciate dire con il cuore. Io amo mio padre e non mi vergogno a dirlo. Mio padre è una persona perbene e sono fiera di lui. E sono fiera di essere la prima della famiglia ad essersi laureata“. Lo dice Maria Elena Boschi, ministro delle riforme e dei rapporti con il parlamento, nell’aula della Camera.


BANCHE. CAPEZZONE (COR): VOTEREMO CONTRO MOZIONE SFIDUCIA A BOSCHI
Se applicassimo l’occhio per occhio, dente per dente, il governo questa mozione di sfiducia se la meriterebbe. Ma noi siamo contrari alla legge del taglione e non crediamo nelle mozioni di sfiducia individuali. Voteremo contro questa mozione“. Lo dice in aula alla Camera Daniele Capezzone, deputato dei Conservatori e riformisti.


BANCHE. PAGLIA (SI): CONFLITTO INTERESSI PUO’ ESPLODERE, E LO HA FATTO
VOLEVAMO BOSCHI RIFERISSE IN AULA, NE AVEVA IL DOVERE
C’è un tema” tra Banca Etruria e il Governo: “piaccia o non piaccia, esiste un trait d’union, non è una colpa, è un dato di fatto“, essendovi tra gli “amministratori in posizione apicale” anche un “congiunto di primo grado” del ministro delle Riforme e dei Rapporti con il Parlamento Maria Elena Boschi, con “un altro congiunto di primo grado vi lavorasse con posizioni di responsabilità“. Ciò detto, “credo che un conflitto di interessi una persona lo possa tenere su di se’, che possa esistere come condizione latente“. Quindi “non è impossibile fare il ministro, il deputato, avere una carica pubblica pur in condizioni di conflitto di interesse. Ma si deve sapere che possono verificarsi anche casualmente condizioni che quel conflitto lo fanno esplodere davanti al Parlamento e all’opinione pubblica, e questo è accaduto ed è accaduto in misura pesante“. Giovanni Paglia, deputato di sinistra Italiana, lo dice nell’Aula della Camera intervenendo nel corso dell’esame della mozione di sfiducia a Boschi.
Volevamo il ministro venisse in Aula a riferire, non avremmo voluto partire da mozione sfiducia, forse non è nemmeno l’esito più adatto“, dice Paglia, “tuttavia il ministro aveva il dovere di venire spontaneamente e spiegarci“.
Il “dovere” perché “tra i cittadini viene percepito un conflitto di interessi grosso come una casa nel governo– dice l’esponente di Si- e su un tema essenziale per economia e stabilità paese, quale è la credibilità del sistema bancaria“. Circostanza, conclude, aggravata dal fatto che “il Governo con il dl banche si e’ assunto la responsabilità di minare fiducia degli italiani nelle banche“.


BANCHE. GIORGETTI: FI NON PARTECIPERÀ VOTO MOZIONE SFIDUCIA A BOSCHI
Forza Italia non parteciperà al voto sulla mozione di sfiducia individuale contro il ministro Boschi, per una linea di coerenza. Forza Italia non crede nella responsabilità individuale ma nella responsabilità collegiale“. E per questo “presentiamo una mozione di fiducia nei confronti del governo“. Lo dice il aula alla Camera il deputato Fi Alberto Giorgetti, sulla mozione di sfiducia al ministro Boschi presentata dal M5s.


BANCHE, MELONI (FDI): M5S BLOCCA SFIDUCIA A RENZI, CHE FINACCIA…
Dopo mesi di stallo sono finalmente eletti i giudici mancanti alla Corte Costituzionale. È il frutto di un inedito accordo tra PD e M5S. Fino qui tutto normale. Però è anche il giorno in cui i grillini bloccano, di fatto, la mozione di sfiducia del centrodestra all’intero Governo per imporre quella, individuale, alla Boschi. Cioè la Boschi si può sfiduciare ma Renzi no. Che nell’accordo non ci fossero solo i nomi per la Consulta? Che finaccia i duri e puri cinquestelle...”. È quanto scrive su facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Rispondi alla discussione

Facebook