mercoledì 28 Settembre 2022,

Regione

Ξ Commenta la notizia

Trasporti, Aurigemma “Zingaretti fa infuriare anche PD”

scritto da Redazione
Trasporti, Aurigemma “Zingaretti fa infuriare anche PD”

Zingaretti dovrebbe tornare con i piedi per terra. La sua inadeguatezza nell’affrontare tematiche importanti, adesso non rappresenta più una novità. Si vive alla giornata, senza una programmazione valida, limitandosi semmai a qualche annuncio, a cui non crede davvero più nessuno. Inoltre, il Presidente sta continuando ad abbandonare le nostre province. Oggi parliamo della provincia di Frosinone e delle critiche provenienti dai pendolari che usufruiscono del trasporto pubblico su gomma. Questa è una problematica che, purtroppo, riguarda anche altre province: abbiamo più volte trattato dello scambio gomma-rotaia che ha fatto infuriare i reatini; oppure l’odissea che vivono studenti e lavoratori pontini e anche quelli della tuscia. Nel caso in questione, l’aspetto grave è che la polemica parta proprio dal segretario del PD di Castro dei Volsci, che ha scritto una lettera al presidente Zingaretti, dopo aver già scritto allo stesso Governatore nel marzo scorso, ma naturalmente senza ricevere risposte. Tutto ciò dimostra il totale fallimento delle non politiche di Zingaretti, sui trasporti come per la sanità. E anche in questa occasione sono gli stessi amministratori ed esponenti locali del suo partito (come avvenuto appunto anche per la sanità) a evidenziare tutte le loro comprensibili perplessità. Noi lo ripetiamo: Zingaretti deve conoscere e vivere le realtà territoriali. Non basta recarsi in Provincia per qualche annuncio spot, che davvero non serve a nulla. Il governatore dovrebbe recarsi in Ciociaria, e percorrere il tragitto che ogni giorni compiono studenti e lavoratori, per raggiungere Roma. Solo cosi il Presidente della Regione, forse, si renderà conto dell’inconsistenza della sua politica e delle reali esigenze dei cittadini“. Lo dichiara, in una nota, il Capogruppo di Forza Italia della Regione Lazio Antonello Aurigemma.

Rispondi alla discussione

Facebook