giovedì 25 Aprile 2024,

Primo Piano

Ξ Commenta la notizia

Terracina, politica. “Per ora c’è poco da essere soddisfatti”

scritto da Redazione
Terracina, politica. “Per ora c’è poco da essere soddisfatti”

A parte la riduzione delle quote di ammortamento del mutuo che abbiamo dovuto accendere per uscire dal dissesto finanziario e che stanno pagando i cittadini di Terracina (nonostante qualcuno si sia messo la medaglia al petto…) che in prospettiva migliorerà la situazione di Bilancio, per il resto è il solito Bilancio di sempre che garantisce l’ordinaria amministrazione, carente sulla componente delle spese in conto capitale quindi sui nuovi investimenti e che continua a non affrontare questioni strutturali ataviche come la capacità di riscossione ed i debiti fuori bilancio. Poi stendiamo un velo pietoso sul processo di approvazione del Bilancio con i Consiglieri che non sono stati assolutamente messi nelle condizioni di comprendere con chiarezza e in modo puntuale cosa contenessero gli schemi di Bilancio a proposito di Trasparenza, di cui attendiamo ancora la creazione della dimenticata Commissione persa di nuovo nelle nebbie del Palazzo….Un Bilancio che dovrebbe essere chiaro non solo ai Consiglieri ma ai comuni Cittadini…

Poi, ci vorrebbe un pò di onestà intellettuale ed il coraggio di dire che gli emendamenti sono stati bocciati su una base ideologica, perchè così ha voluto il maggiore partito di Maggioranza, nascondendosi pretestuosamente dietro pareri tecnici inconsistenti e mal formulati. Allo stesso modo come sono state bocciate al sottoscritto tutte le mozioni presentate fino ad oggi in Consiglio comunale. Bocciate su una base puramente ideologica, guardando la casacca di chi le presentava, perchè qualunque persona dotata di un pizzico di cervello, su una base logica ci avrebbe pensato due volte e sarebbe arrivato ad una conclusione razionalmente sensata, cioè quelle proposte erano giuste. Colpisce poi che si continui a chiedere a parole da 9 mesi la collaborazione dell’Opposizione ma poi nei fatti si dimostra che non si ha nessun interesse reale a collaborare. Davvero uno strano modo di intendere “un governo condiviso”. Io credo nella competenza e nella qualità morale ed intellettuale delle persone che è un valore sia che si Governi, sia che si faccia Opposizione, e non ce ne è tanta in giro…ma finchè si continuerà a governare questa città con la presunzione di saper risolvere i gravi problemi che l’attanagliano semplicemente perchè i cittadini ci hanno dato più voti che a qualcun altro, penso che sarà difficile risolvere davvero qualche problema. Io penso che il maggiore partito della Maggioranza non abbia alcuna intenzione di condividere alcunchè con nessuno. Allora il problema è un altro, o parte di questa Maggioranza ha il coraggio e la volontà di liberarsi dal giogo ideologico di quel partito guardando davvero con responsabilità al bene della Città provando a trovare collaborazioni più ampie e qualificate ed equilibri diversi o sarà costretta a ripercorrere strade rischiose già note e percorse in passato e che non hanno prodotto alcun risultato concreto ma solo guai per questa città, desertificandola e privandola degli spazi di democrazia vitali dentro e fuori il Palazzo.

Gabriele Subiaco

Consigliere comunale Europa Verde

I commenti non sono chiusi.

Facebook