martedì 23 Aprile 2024,

Dai Comuni

Ξ Commenta la notizia

Terracina – centro per l’impiego. Procaccini: Criteri di scelta vecchi di 13 anni e figli di un tempo diverso rispetto a quello attuale, sia in termini sociali che economici”

scritto da Redazione
Terracina – centro per l’impiego. Procaccini: Criteri di scelta vecchi di 13 anni e figli di un tempo diverso rispetto a quello attuale, sia in termini sociali che economici”

In merito alle notizie stampa sulla paventata chiusura del centro per l’impiego di Terracina, il sindaco Nicola Procaccini e il presidente della Provincia di Latina Armando Cusani, assicurano che i servizi e le funzioni del centro saranno garantiti all’utenza.
“L’amministrazione comunale – afferma inoltre il sindaco Procaccini – ha individuato la soluzione rispetto alla inadeguatezza dei  locali dove insiste il centro per l’impiego, ponendo a disposizione della Provincia i 180 mq dell’edificio posto nell’area Chezzi, oppure alcuni locali del tribunale.
Per quanto riguarda invece la delibera del 2  febbraio del 2000, che in maniera oggettivamente incomprensibile penalizzava Aprilia e Terracina, nonostante fossero le città più popolose del loro bacino d’utenza, a distanza di tredici anni dal ricorso del Comune di Aprilia è arrivata  in questi giorni la sentenza del TAR.
Sentenza contraria a quanto argomentava in illo tempore il Comune di Aprilia, evidenziando a distanza di 13 anni  i  nodi di una non certo felice pianificazione dei centri per l’impiego della Provincia di Latina.
E’ chiaro che non si tratta di sterili battaglie di campanilismo, ma semplicemente di razionalizzare e ottimizzare al meglio i centri.
Credo che sia più che legittimo che siano le città più grandi e baricentriche rispetto al territorio di riferimento a ospitare i centri per l’impiego, e non una scelta frutto di un tempo diverso rispetto a quello attuale, sia in termini sociali che economici.
Sono certo che garantendo una sede adeguata la Provincia di Latina non potrà non mantenere in città un servizio importante per un comprensorio popoloso e problematico come quello terracinese”.

Rispondi alla discussione

Facebook