domenica 29 Maggio 2022,

Primo Piano

Ξ Commenta la notizia

Terracina. Biblioteca comunale: parla il Comitato spontaneo nato 15 mesi orsono

scritto da Redazione
Terracina. Biblioteca comunale: parla il Comitato spontaneo nato 15 mesi orsono

Mentre il dirigente del settore cultura del Comune di Terracina liquida, con determinazione n.501 del 30.3.2022, la quota di adesione al Sistema Bibliotecario Sud Pontino di euro 5.425,00, con la Biblioteca Olivetti chiusa da troppo tempo pubblichiamo, di seguito, un intervento del Comitato per la Biblioteca Comunale nato spontaneamente 15 mesi orsono.

Dal

A tutti i membri del Comitato per la Biblioteca nato spontaneamente dopo 15 mesi dalla chiusura della struttura di via Olivetti.

Grazie per aver portato avanti una sacrosanta quanto assurda battaglia per riaprire uno dei luoghi più importanti che una Città degna di questo nome deve avere: una Biblioteca Comunale.

Grazie per averci invitato all’evento che ha poi consentito l’intervento dei consiglieri regionali coinvolti di allargare il fondo per la ristrutturazione della Biblioteca Adriano Olivetti il cui progetto presentato in Regione per l’ottenimento del finanziamento non ebbe il punteggio sufficiente per essere ammesso al fondo.

E ora che i soldi ci sono ci aspettiamo un’accelerazione amministrativa affinché inizino i lavori di ristrutturazione.

Nelle more che questo avvenga abbiamo proposto al Comitato e all’Amministrazione di attivare nuovamente il servizio bibliotecario, fermo da oltre un anno, nei locali dell’ex Tribunale. Gli spazi ci sono, spostando l’Anagrafe sempre in un’area della città accessibile, e si può fare nel brevissimo tempo. Bisogna solo avere la volontà politica di farlo. E visto che non siamo noi al governo della Città chiediamo con forza e decisione che la giunta all’unanimità approvi una delibera che consenta la sistemazione, seppur provvisoria, della Biblioteca nei locali dell’ex Tribunale.

Comitato per la Biblioteca di Terracina

http://www.pdterracina.it/biblioteca-olivetti-un-passo…/

I commenti non sono chiusi.

Facebook