sabato 25 Maggio 2024,

News

Ξ Commenta la notizia

Salario minimo, lavoratori dipendenti e partite Iva: cosa si dovrebbe fare

scritto da Redazione
Salario minimo, lavoratori dipendenti e partite Iva: cosa si dovrebbe fare

Non è bastata neanche la comunicazione della Commissione europea che ci esclude dal dover legiferare sul salario minimo per riflettere e deporre la bandierina. Insieme a Svezia, Danimarca, Finlandia, Austria l’Europa ci invita a non intervenire sui minimi salariali in ragione di una diffusione in questi paesi di una estensione contrattuale su tutti i settori merceologici che supera dell’80% la platea di lavoratori coperti dai contratti collettivi nazionali.

Nel nostro paese non c’è settore lavorativo che non sia compreso dalla copertura dei contratti sottoscritti dalle organizzazioni delle imprese e dei lavoratori maggiormente rappresentative. Qualche “contrattucolo” che si indica come pirata, corrisponde alla dimensione di una pagliuzza di un covone di spighe di grano, promosso da chi attraverso il gioco al ribasso dei minimi salariali, vuole inserirsi da furfante nel ricco sistema della bilateralità. E comunque i giudici del lavoro nel giudicare le trasgressioni delle imprese ai danni dei lavoratori, hanno sempre considerato i contratti più rappresentativi per stabilire i minimi salariali che comunque sono adeguati. Per mettere fine ai cosiddetti pirati, basterebbe un provvedimento del Ministero del lavoro e una sorveglianza dell’ispettorato Inps per combattere contribuzioni al di sotto della soglia prevista. Ed allora perché scomodare il Parlamento per addirittura fare una legge sui minimi salariali per surrogare il ruolo delle parti sociali e compromettere le collaudate ed estese infrastrutture contrattuali?

In questo senso le affermazioni del presidente Meloni sulla ulteriore compromissione della situazione, sono sostanzialmente fondate. Ed infatti intervenire fiscalmente, alleggerendo il peso fiscale sulle buste paga dei lavoratori italiani, il più alto d’ Europa, questo sì che farebbe la differenza. Ma lo farebbe ancor di più rompere il tabù di certa sinistra che influenza ancora le relazioni industriali, che insiste nell’osteggiare il proposito di incentivare fiscalmente la produttività di salario e partecipazione agli utili. Sono convinto da decenni che i bassi salari sono la conseguenza della incuria dei fattori dello sviluppo che provoca scarsa competitività, e parti sociali che non disegnano un quadro contrattuale orientato alla produttività. Quando la Meloni dice che occorre altro, dopo che ha portato al 5% il carico fiscale per 3 mila euro in un anno di salario di produttività dice il giusto, ma ora deve spingersi oltre per innalzare la somma annuale e totalmente esentasse. Dia così una indicazione concreta ai lavoratori per un cambiamento contrattuale e culturale.

Di garanzie di minimi salariali invece ne avrebbero bisogno i più precari di tutti: quelli che non dispongono di alcuna copertura contrattuale: alcuni para-subordinati e le partite iva impegnate a svolgere lavori a basso e medio contenuto professionale. Sono coloro che pur lavorando alle dipendenze di una azienda, non sono dipendenti. Va sottolineato che queste figure esistono solo da noi, sconosciute come sono in ogni paese industrializzato. Un’area del lavoro a tratti opaca, spesso senza controlli e garanzie. Spesso sono lavoratori dipendenti sotto mentite spoglie grazie agli arzigogoli giuridici che li rendono legali. Figure dunque autonome e in parte svincolate da molti obblighi costosi per le aziende con cui collaborano. Ecco perché sono cresciuti molto di numero e con essi la mancanza di garanzie salariali. Molte di queste persone o accettano il compenso che gli propone chi l’ingaggia oppure rimangono disoccupati. Ebbene, per costoro sarebbe proprio il caso stabilire un minimo di 9 euro orari, e sicuramente anche di più, prigionieri come sono del limbo in cui sono imprigionati. Allora basterebbe aprire bene gli occhi per saper vedere bene la situazione e rendersi conto ciò che più aiutare alcune persone senza danneggiare altre. Per farlo basterebbe togliersi gli occhiali della ideologia e indossare quelli con le lenti della normalità.

In Terris

I commenti non sono chiusi.

Facebook