venerdì 14 Giugno 2024,

Primo Piano

Ξ Commenta la notizia

Roma. Assemblea pubblica di Unione Popolare contro la Ztl

scritto da Redazione
Roma. Assemblea pubblica di Unione Popolare contro la Ztl
Si sta svolgendo ora l’assemblea partecipata di Unione Popolare a piazza Cinecittà contro la nuova delibera dell’amministrazione Gualtieri sulla ztl, Molti gli interventi che si sono susseguiti sia da forze politiche che da singoli abitanti del quartiere.

A novembre 2023 infatti un vastissimo tratto di territorio del Comune di Roma, che in alcuni casi arriva fino al Raccordo, verrà chiuso alla circolazione di chi vive e lavora in questa città e non ha la possibilità di cambiare il proprio veicolo per comprarne uno meno inquinante. Questo è un diretto attacco agli abitanti dei quartieri popolari e ai lavoratori, sulle cui tasche vengono scaricati i costi di un modello produttivo che affolla le città e crea la crisi ecologica ed economica.” affermano gli attivisti.
Non ci sono motivazioni ecologiche a sostenere la manovra di Gualtieri. La maggior parte dell’inquinamento della città non viene dalla “fascia verde”, ma da quei territori periferici su cui negli anni sono state installate delle vere e proprie bombe ecologiche come la discarica di Malagrotta, e dove vogliono continuare a metterne come a Santa Palomba con l’inceneritore voluto da PD e il centrodestra” proseguono gli attivisti.
Soprattutto, sono decenni che questa città aspetta un trasporto pubblico all’altezza, con assunzioni stabili di personale, fine delle esternalizzazioni, rinnovo dei mezzi, riduzione dei costi a carico dei cittadini… ma la situazione sta andando verso tutt’altra direzione: con valenza a partire dal prossimo luglio la Regione, prima con la decisione della giunta Zingaretti e oggi con il silenzio assenso dell’amministrazione Rocca, ha stabilito l’aumento del costo dei biglietti e degli abbonamenti di oltre il 30%, e la situazione dei mezzi di trasporto è sempre più grave (come per esempio lamentano tutte le persone che faticano sempre di più a usare la metro B).”.
 
“Continueremo a farci sentire e dare battaglia per il ritiro della delibera, contro l’aumento dei biglietti e per un investimento serio e strutturale sul trasporto pubblico.”

I commenti non sono chiusi.

Facebook