venerdì 16 Aprile 2021,

Regione

Ξ Commenta la notizia

Regione Lazio – Sanità: FP CGIL, CISL FP e UIL FPL dicono NO a decisioni precostituite

scritto da Redazione
Regione Lazio – Sanità: FP CGIL, CISL FP e UIL FPL dicono NO a decisioni precostituite

Le Segreterie Regionali della Funzione Pubblica di CGIL CISL e UIL, non riescono a comprendere il metodo utilizzato dalla Regione Lazio in occasione della adozione dei piani operativi 2013-2015.
Considerano estremamente grave di aver dovuto apprendere dagli organi di stampa i contenuti dei piani che inevitabilmente avranno ricadute sugli operatori del SSR.
Ritengono gravissimo veicolare notizie di chiusure, accorpamenti e riorganizzazione della sanità laziale che creano allarmi fra i dipendente senza aver attivato un confronto con le Organizzazioni Sindacali.
Il necessario cambiamento ed efficientamento del sistema sanitario regionale infatti dovrà passare da un pieno coinvolgimento del personale.
Non si rilancia il SSR con scelte unilaterali molto discutibili come la chiusura dell’Eastman o sul futuro del CTO e del San Filippo Neri o sull’accorpamento della Az. USL A ed con la Az. USL E solo per citare le principali.
Auspichiamo che la Regione adesso prima di attuare qualsiasi decisione che avrà ricadute sul personale attivi il confronto con i sindacati .
Qualunque atto unilaterale invece sarà fermamente contrastato con tutte le iniziative previste dalla Legge ivi compresa la mobilitazione del personale.

Il Segretario Generale FP CGIL Roma e Lazio
Natale Di Cola
Il Segretario Generale CISL FP Lazio
Roberto Chierchia
Il Segretario Generale UIL FPL Roma e Lazio
Sandro Bernardini

Rispondi alla discussione

Facebook