martedì 22 ottobre 2019,
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo

Interventi

Ξ Commenta la notizia

Regione Lazio. Abbruzzese (FI) “Legge su demanio marittimo volano per turismo”

scritto da Redazione
Regione Lazio. Abbruzzese (FI) “Legge su demanio marittimo volano per turismo”

Con la proposta di legge, approvata oggi in VIII Commissione Artigianto, commercio PMI, ed afferente “disposizioni relative all’utilizzazione del demanio marittimo, per le finalità turistiche ricreative“, si è inteso procedere ad un riassetto della norma, per rispondere all’esigenza di garantire la massima fruibilità delle spiagge libere, migliorando l’offerta turistica e dei servizi resi ai cittadini, i quali chiedono servizi primari anche nelle strutture balneari pubbliche“. E’ quanto dichiara il vicepresidente della stessa Commissione Mario Abbruzzese in una nota a margine della seduta.
In pratica – aggiunge Abbruzzese – con al proposta di legge approvata oggi in commissione, che si colloca nell’ambito di un più generale processo di snellimento e riorganizzazione dell’assetto normativo regionale, vengono rese fruibili agli utenti le spiagge libere con i servizi di primo soccorso, torrette di avvistamento, servizi igienici, pulizia dell’arenile, approvvigionamento di acqua e servizi di ristorazione, nonché attrezzature da spiaggia. Nello specifico, si andranno a configurare come spiagge libere con servizi, quegli arenili liberi nei quali sia possibile, attraverso l’occupazione di una parte limitata del demanio, erogare servizi essenziali agli utenti. A tal fine, desidero ringraziare il Presidente della VIII Commissione Mario Ciarla, per aver accolto alcuni miei emendamenti migliorativi del testo, che prevedono, da un lato, in attesa di approvazione dei PUA regionali, (piani di utilizzazioni arenili), in materia di autorizzazioni paesaggistico-ambientale e urbanistica, l’impossibilità per i Comuni di rilasciare nuove concessioni provvisorie, di durata pari alla stagione balneare. Dall’altro, di ridurre i tempi di presentazione del regolamento e del successivo Pua regionale, da 60 a 45 giorni, affinchè tutte le procedure possano concludersi nei tempi necessari per la riapertura della imminente stagione balneare. A questo punto, sarà indispensabile calendarizzare al più presto, l’inserimento della proposta di legge odierna nell’ordine del giorno del Consiglio regionale, per l’approvazione definitiva del testo e per garantire un sostegno normativo ed organizzativo alle tante aziende del settore turistico ricreativo presenti nel Lazio“.

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+