domenica 03 Marzo 2024,

Cronaca

Ξ Commenta la notizia

Maltempo: dieci giorni di pioggia al centro sud

scritto da Redazione
Maltempo: dieci giorni di pioggia al centro sud

Una nuova perturbazione, questa volta di origine atlantica, sta transitando sull’Italia e porterà nei prossimi dieci giorni pioggia e temporali diffusi con temperature miti, compreso domenica e lunedì della prossima settimana, quando gli italiani saranno chiamati alle urne. E’ l’analisi di Massimiliano Pasqui dell’Istituto di Biometeorologia del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Ibimet-Cnr). Secondo Pasqui “le correnti settentrionali da Nord Europa che nei giorni scorsi hanno portato sull’Italia neve e temperature gelide, lasciano il posto ad aria in arrivo dall’Atlantico, che entrando nel Mediterraneo, porta temporali, in particolare al centro Sud a partire già da domani e nei prossimi 10 giorni.
Ombrelli aperti dunque nel week end da Roma in giù, Sardegna compresa, mentre al Nord, precisa Pasqui, si potrà godere di un week end all’insegna del sole, anche se le temperature saranno rigide. Lunedi sarà ancora la pioggia ad interessare le regioni del Sud.
Secondo l’analisi del ricercatore del Cnr, per avere un po’ di sole nelle regioni del Centro Sud bisognerà aspettare martedì della prossima settimana: “una breve parentesi all’insegna del bel tempo si avrà da martedì a giovedì al centro sud. Da venerdì sull’Italia arriverà una nuova perturbazione che porterà maltempo diffuso sulle regioni settentrionali e centrali nel week end del 23-24 Febbraio, giornate dedicate al voto elettorale“. Ne è convinto anche Antonio Sanò, direttore del portale il Meteo.it: “quello dell’inizio settimana sarà solo la quiete prima dell’avvio di un periodo piovoso con un susseguirsi continuo di perturbazioni atlantiche, cui seguirà la formazione di un vortice ciclonico tra giovedì e venerdì che culminerà con maltempo diffuso.” Secondo le previsioni di Sanò però a fine mese e all’inizio di marzo “il clima sarà mite e si avrà un assaggio di primavera“.

Rispondi alla discussione

Facebook