mercoledì 19 Giugno 2024,

Provincia di Latina

Ξ Commenta la notizia

Latina. La legalità è il motore di un corretto sviluppo del tessuto commerciale

scritto da Redazione
Latina. La legalità è il motore di un corretto sviluppo del tessuto commerciale

LA FIPE E LA CONFCOMMERCIO PROVINCIALE DI LATINA hanno realizzato stamattina alle ore 10,30 presso la sede della Confcommercio l’incontro sul tema della legalità, contro l’abusivismo commerciale, la contraffazione, in contemporanea con l’iniziativa nazionale, aperta dal Presidente della Confcommercio Nazionale Carlo Sangalli.
A seguito della diretta streaming dell’incontro nazionale, a cui sono intervenuti, oltre i massimi esponenti delle Forze dell’Ordine, i Ministri Zanonato ed Alfano -a riprova della centralità del tema sia a livello di sviluppo economico che di sicurezza e legalità- si è dato vita all’incontro tra le rappresentanze delle categorie commerciali e dei pubblici esercizi della Provincia di Latina, le Forze dell’Ordine e gli imprenditori
Sono intervenute le seguenti autorità: per il Comune di Latina l’Assessore alle Attività Produttive, Commercio, Artigianato, Industria, Rapporti con la Comunità Europea, Marco Picca, per i Carabinieri NAS il Tenente Maurizio Santori, per la Guardia di Finanza il tenente colonnello Vittorio Francavilla, per i Vigili Urbani il capitano Graziella Orlandi, per la Polizia il vicequestore Edoardo Menghi. Hanno inoltre preso parte all’incontro i Presidenti della categorie, i Presidenti delle Ascom locali e la Dott.ssa Anna Rosa Centra, dirigente del servizio veterinario della ASL di Latina. Hanno partecipato a riprova della sinergia esistente sul territorio tra le pmi, i Direttori e I Presidenti delle Associazioni che, insieme a Confcommercio, hanno dato vita a Rete Imprese per l’Italia Provincia di Latina e al Protocollo d’intesa 99.0
Il Presidente Provinciale della FIPE  Italo Di Cocco dopo aver portato il saluto del Presidente Zottola ,nel riprendere  le  dichiarazioni  del Presidente Sangalli e sottolineare l’appoggio espresso dai Ministri  per tutelare e supportare una concorrenza leale e corretta ,ha sottolineato  le problematiche e le criticità dell’insorgenza dei fenomeni  di illegalità e contraffazione per la sopravvivenza e la solidità delle aziende che rispettano regole e norme; ha ringraziato le Forze dell’Ordine per la costante attività di monitoraggio delle irregolarità su tutto il territorio e la disponibilità mostrata a supportare le imprese e le Associazioni per la prevenzione dell’illegalità e dei soprusi.
Nel concludere, Italo Di Cocco ha  invitato gli imprenditori e gli associati a collaborare in termini di legalità e prevenzione ,utilizzando anche gli strumenti offerti dal Protocollo tra Confcommercio Imprese per l’ Italia come il numero verde a disposizione dei Presidenti Ascom  per  eventuali denunce degli imprenditori.
Le locandine a supporto della legalità  saranno distribuite sul territorio provinciale a tutti i commercianti e ai pubblici esercizi.
Successivamente, sono intervenuti i rappresentanti delle Forze dell’Ordine e delle Istituzioni che, dalle diverse angolazioni, hanno sottolineato la necessità di intervenire  sui fenomeni dell’illegalità ,della contraffazione e del commercio abusivo, valutandone le numerose sfaccettature e complessità , chiedendo per raggiungere i massimi risultati la collaborazione degli imprenditori e dei consumatori.
Il Dr Di Cecca coordinatore della struttura provinciale ,ha  concluso l’incontro e nel ringraziare le Autorità e  le istituzioni intervenute, nonché imprese e rappresentanze di categoria.
Il Presidente Zottola ha dichiarato che “un tessuto socio-economico sano aiuta il Paese nella ripresa e che le pmi si aspettano supporto dal Governo e da tutte le Istituzioni, oltre che sul piano della legalità e della prevenzione delle irregolarità, “ossigeno” nell’ambito della fiscalità, del credito e delle politiche per l’innovazione”: La concorrenza -ha concluso Zottola- deve essere strumento per migliorare l’offerta di prodotti e servizi per rendere il Paese competitivo in modo sostenibile sugli scenari internazionali”.

Rispondi alla discussione

Facebook