sabato 11 luglio 2020,

Regione

Ξ Commenta la notizia

Gazzettino del Lazio delle ore 17.30 (tutto sulle comunali di Roma)

scritto da Redazione
Gazzettino del Lazio delle ore 17.30 (tutto sulle comunali di Roma)

COMUNALI. STORACE: REGIONE E NUOVO SINDACO BLOCCHINO EFFETTI BOLKESTEIN
Questa mattina ho presentato degli emendamenti affinché nella legge regionale di trasferimento dei poteri a Roma Capitale si trovi il modo di tutelare il commercio ambulante. Sono a rischio circa 17.000 licenze e quindi bisogna evitare che, a causa della direttiva Bolkestein tutte queste famiglie che si tramandano un mestiere da generazioni vadano sul lastrico“. Così il candidato sindaco e leader de La Destra, Francesco Storace, in occasione di un tour elettorale al mercato del villaggio Olimpico.
La prossima amministrazione– ha aggiunto Storace- deve fare di tutto per evitare che dalla direttiva Bolkestein ci sia l’espulsione dal mercato dei commercianti ambulanti che da decenni con le loro famiglie lavorano a Roma. Qua rischiamo di mandare all’aria, sul tessuto urbano, circa 15-17 mila licenze con il rischio ulteriore che poi arrivino al loro posto la grande distribuzione, la cooperativa o il supermercato. L’Europa non ci può rompere le scatole, questa è la realtà“.


COMUNALI. STORACE: TORMENTONE ALLEANZA HA FAVORITO M5S
Da domenica parlo solo di programma perchè questo tormentone sulle alleanze mi ha stufato. Inoltre ha favorito i grillini. Finchè si parla solo di alleanze e di chi seppellisce Bertolaso non si va da nessuna parte“. Così, a margine di un tour al mercato del Villaggio Olimpico, il candidato sindaco e leader de La Destra, Francesco Storace, parlando delle alleanze nel campo del centrodestra.


COMUNALI, FI PROVINCIA DI ROMA: “AUTONOMIA NELLE SCELTE E RISPETTO DEI RUOLI”
Ieri si è svolta la riunione dell’esecutivo di Forza Italia della Provincia di Roma guidato dall’onorevole Adriano Palozzi. L’incontro è servito per fare il punto sull’azione politica in vista delle imminenti elezioni nei tanti comuni al voto. In questa delicata fase per FI e, più in generale, per tutto il centrodestra – momento in cui c’è estremo bisogno di unità e coesione – ribadiamo in maniera unanime la necessaria e piena autonomia di questo coordinamento nelle scelte strategiche e politiche sul territorio della Provincia di Roma. Reputiamo inammissibile, infatti, che chi conosce in maniera marginale la nostra provincia provi a creare condizioni di confusione e ingerenze, che fanno male all’unità del nostro partito. Invece di perdersi in inutili protagonismi, dunque, sarebbe il caso di lavorare tutti insieme, nel rispetto reciproco di ruoli e competenze, evitando qualsiasi fuga in avanti, che non farebbe altro che minare la credibilità di Forza Italia agli occhi degli elettori. In questi giorni, ad esempio, esponenti anche di spicco del nostro partito, nei vari comuni al voto, hanno colto l’occasione per esprimere il proprio appoggio a candidati, non sostenuti da FI: atteggiamenti che sin da ora stigmatizziamo, non più tollerabili alle porte della delicata scadenza elettorale e che auspichiamo possano essere oggetto dell’attento approfondimento dei vertici nazionali del partito”. Così, in una nota, il coordinatore FI Provincia di Roma, Adriano Palozzi, i membri dell’esecutivo e i vice coordinatori provinciali di Forza Italia.


COMUNALI, GIACHETTI: FORTE DECENTRAMENTO A MUNICIPI CON PERSONALE E RISORSE
Se diventerò sindaco, il primo atto sarà una reale e fortissima operazione di decentramento ai municipi, sia per quanto riguarda le competenze, sia per il personale e i fondi“. Lo ha detto Roberto Giachetti, candidato sindaco e vicepresidente della Camera, intervenuto a Tele Radio Più. Questo, ha spiegato Giachetti rispondendo a una domanda sull’assistenza diurna ai disabili, perché certe competenze possono essere gestite meglio dai municipi, “che sono gli enti più a contatto con il territorio“.


COMUNALI, SALVINI: BERLUSCONI? C’È ANCHE TELEFONO, PRIMA DI MILAN-JUVE LO SENTO
Uniti si vince, basta che ci siano i candidati giusti, ma Bertolaso proprio non c’azzecca. Io Berlusconi lo vedo  quando vuole“. Così Matteo Salvini, leader della Lega nord, ospite di Telelombardia, interpellato su quando vedrà Silvio Berlusconi. “Domani sarò in Romagna, domenica nelle Marche, lunedi a L’Aquila e poi a Strasbrugo fino a giovedi..poi Berlusconi lo vedo quando vuole, ma c’è anche il telefono. Va bene, prima di Milan-Juve ci sentiamo“, ha anche detto.


COMUNALI, STORACE: TORMENTONE ALLEANZE FAVORISCE GRILLINI
Io da domenica voglio parlare solo di politica perché francamente questo tormentone delle alleanze mi ha stufato e questa partita che si è fatta a destra e sinistra delle alleanze ha favorito soltanto i grillini a cui nessuno ovviamente chiede nulla sulle alleanze e così possono parlare di programma. Bisogna invece parlare dei contenuti. Per esempio che cosa farà il sindaco sugli ambulanti? Bisogna dare una risposta precisa, circostanziata e dettagliata. Se il tema è chi seppellisce Bertolaso, non si va da nessuna parte“. Così Francesco Storace, candidato a sindaco di Roma per La Destra, nel corso dell’incontro con gli operatori del mercato di viale XVII olimpiade.


COMUNALI, NASCE LISTA ‘ROMA POPOLARE A SOSTEGNO MARCHINI CON LORENZIN E DE LILLO
Oggi alle ore 18, al Church Village di via di Torre Rossa, civico 94, verrà ufficializzata la nascita della lista civica ‘Roma Popolare‘ a sostegno del candidato sindaco Alfio Marchini. A realizzare il progetto il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin e Stefano De Lillo, già senatore e consigliere regionale del Lazio. Nel corso dell’incontro verrà anche presentato il simbolo della lista civica“. Così in una nota gli organizzatori.
Questa è la lista delle capacità che la nostra città racchiude in sé: ecco perché sarà determinante per rappresentare le realtà professionali, sociali, associative e di volontariato che delineeranno il valore delle competenze insite a Roma – ha dichiarato Stefano De Lillo -. È un contributo importante ad Alfio Marchini per superare l’attuale frammentazione politica“. “Il primo step che si prefigge Roma Popolare è di portare Marchini al ballottaggio e successivamente sulla poltrona di sindaco“, conclude la nota.

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+