lunedì 25 Ottobre 2021,

News

Ξ Commenta la notizia

Fedeli alla linea da Affile a Sezze

scritto da Redazione
Fedeli alla linea da Affile a Sezze

Un annuncio perfettamente coerente rispetto a quella che è stata e che, a quanto pare, continua ad essere la linea di azione dei comunisti di Sezze (LT). Il sottosegretario alla Presidenza del consiglio Sesa Amici, parlamentare setino di lungo corso per le svariate legislature che conta, ha annunciato lo stop del governo PD – PDL al finanziamento per il Sacrario dedicato dal Comune di Affile (FR) al Soldato, ritenendolo una “inaccettabile offesa alla memoria“.
Abbiamo volutamente utilizzato l’aggettivo coerente, perché non possiamo non tornare a denunciare all’opinione pubblica il parallelo ostracismo dimostrato dal suo concittadino, nonché compagno di partito, Andrea Campoli, sindaco di Sezze, nei confronti della nostra proposta, a lui indirizzata, di dedicare una strada ai due eroi di El Alamein, Capitano Pilota Riccardo De Angelis e Sergente Armiere Ubaldo Piccaro, entrambi di questa terra e sepolti nel locale Cimitero comunale, abbattuti in volo con il loro aereo il 28 agosto 1942. Una proposta che non è stata ritenuta degna della benché minima risposta. Non ci stupiscono quindi le dichiarazioni della Amici, che con il suo governo stravolge la realtà dei fatti, facendo di un Monumento al Soldato, che ha incise due sole parole, “Patria, Onore”, un Monumento dedicato al solo Maresciallo d’Italia Rodolfo Graziani, ministro della RSI. Affermazioni strumentali, perché, come dichiarato dal sindaco di Affile: “non possiamo farci nulla se Graziani è di Affile ed è un soldato“. Ora, su Graziani si possono avere anche pareri discordanti a seconda delle proprie opinioni politiche e le nostre non coincidono sicuramente con quelle del sottosegretario, ma certamente non si può stravolgere la realtà e fare di un mausoleo dedicato agli Italiani che sono caduti per la Patria, facendo dell’Onore uno stile di vita, un pretesto per rinfocolare rancori, odi e divisioni, che dovrebbero appartenere ad un passato che qualcuno vuole invece continuare a far sopravvivere. Pur non esitando minimamente a coesistere in un governo con i vari Gasparri e Matteoli.
In una città come quella di Sezze, dove si sprecano milioni di euro per abbattere lo storico Anfiteatro per farne un Ecomostro, salvo poi vedersi intimare dalla UE la restituzione del finanziamento, avremmo preferito vedere la concittadina -sottosegretario diversamente impegnata, come avremmo voluto vedere il suo compagno di partito Andrea Campoli, che non nega una intitolazione a nessuno, dare il giusto riconoscimento ai Soldati pluridecorati di El Alamein De Angelis e Piccaro, sepolti a Sezze con il massimo degli onori dall’Aeronautica Militare.

Movimento Libero Iniziativa Sociale – lavocelibera.it

Rispondi alla discussione

Facebook