lunedì 10 dicembre 2018,
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo

Dai Comuni

Ξ Commenta la notizia

Campodimele e l’Unità d’Italia. Tributo ai Carabinieri nella lotta al Brigantaggio

scritto da admin
Campodimele e l’Unità d’Italia. Tributo ai Carabinieri nella lotta al Brigantaggio

Delegato dal Ministro, Ammiraglio Giampaolo Di Paola, sarà il Sottosegretario di Stato alla Difesa, dottor Filippo Milone ad inaugurare il monumento dedicato alla figura del “Carabiniere nella lotta al brigantaggio”, realizzato dalla Provincia di Latina a Campodimele nell’ambito del progetto Verso L’Unità d’Italia che gode della concessione del logo dell’Unità tecnica di Missione per il 150° dell’Unità d’Italia presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.
Con la collaborazione del Comune, l’evento avrà luogo giovedi pomeriggio con inizio alle ore 18.30, presente un reparto d’onore costituito dalla Banda dell’Arma (in formazione ridotta: 52 su 102 professori d’orchestra) e un picchetto d’onore all’ordine di Ufficiale in G.U.S., e si concluderà in serata presso l’Anfiteatro Comunale con il concerto del prestigioso complesso bandistico le cui origini risalgono al 1820 e che è noto in tutto il mondo.
Quello di Campodimele, è il quarto e conclusivo evento di un progetto che ha già interessato Formia (già Mola di Gaeta), il Passo del Garigliano e Gaeta e come in queste località, anche nel paese della longevità posto sullo sfondo di montagne dove il brigantaggio era un fenomeno particolarmente consistente e feroce (l’area è quella che un tempo segnava il confine tra lo Stato pontificio e il Regno delle Due Sicilie), il monumento, opera come gli altri di ingegno e d’intelletto della Pontificia Fonderia Marinelli di Agnone, sarà composto da un castello monumentale in ferro con una campana artistica in bronzo pregiato del peso di un quintale e mezzo; un masso di pietra del luogo è lo sfondo di altri due bronzi pregiati: la fiamma e la giberna del carabiniere con una dedica emblematica concepita dal dott. Aldo Lisetti, Delegato alla sicurezza sociale e Generale nei carabinieri-Ruolo d’onore, autore con il figlio Enrico, per i tipi della casa Editrice Caramanica, del volume Nel Mondo dei Briganti di recente pubblicazione: Ai Carabinieri caduti nella lotta al brigantaggio per l’Unità d’Italia, prima; nella strenua difesa della Nazione, sempre!
Con il Presidente della Provincia Cusani e il Sindaco di Campodimele Zannella, ad accogliere il sottosegretario alla Difesa dott. Milone saranno il Prefetto Antonio D’Acunto, il Gen. B. Gaetano Angelo Antonio Maruccia, Comandante Legione Carabinieri Lazio, il Questore Intini.
Saranno inoltre presenti parlamentari, sindaci, rappresentati delle Associazioni combattentistiche e d’arma e in particolare dell’Associazione Nazionale Carabinieri presente alla cerimonia con i vessilli della Sezione provinciale e delle 18 sezioni comunali esistenti sul territorio pontino.

Questo il programma di massima:
Ore 18.30: Afflusso Autorità e Invitati;
Ore 18.45: Inizio della Cerimonia:
– Schieramento della Banda e del Picchetto in G.U.S. dell’Arma dei Carabinieri;
– Schieramento dei:
Labari delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma;
Labari delle sezioni pontine dell’Associazione Nazionale Carabinieri;
Gonfaloni della Provincia e dei Comuni;
Ore 18.55: Onori al Sottosegretario di Stato alla Difesa, dott. Filippo Milone;

0re 19.00: Indirizzi di Saluto
dott. Roberto Zannella, Sindaco di Campodimele;

– Interventi:
Armando Cusani, Presidente della Provincia;
Gen. B. Gaetano Angelo Antonio Maruccia;
Dott. Filippo Milone, Sottosegretario di Stato alla Difesa;
– Scoprimento e benedizione del Monumento commemorativo del Carabiniere nella lotta al brigantaggio;
– Onori ai caduti

Ore 19.30-19.45:
-Deflusso dei:
Gonfaloni della Provincia e dei Comuni;
Labari delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma;
Labari delle sezioni pontine dell’Associazione Nazionale Carabinieri;
Termine cerimonia

A seguire:
Ore 20.30 circa – Anfiteatro comunale
Concerto della Banda dell’Arma dei Carabinieri

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+