mercoledì 10 Agosto 2022,

Dai Comuni

Ξ Commenta la notizia

Un albero in più e borracce ecologiche ai bambini degli Istituti Comprensivi di Priverno per una Scuola Sostenibile

scritto da Redazione
Un albero in più e borracce ecologiche ai bambini degli Istituti Comprensivi di Priverno per una Scuola Sostenibile

Nell’ambito dei Progetti Plastic Free e Ossigeno, nella settimana dedicata ai Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza e alla Giornata Nazionale degli Alberi, a tutti i bambini degli Istituti Comprensivi Don Andrea Santoro e San Tommaso d’Aquino, rispettivamente i giorni 18 novembre e 22 novembre, verranno consegnate dall’Amministrazione Comunale le borracce ecologiche in alluminio, quel materiale che può essere riciclato all’infinito senza perdere le sue qualità originali e, in ogni Istituto, in collaborazione con i Carabinieri Forestali, sarà piantato un nuovo albero.

Plastic free è il progetto del Comune di Priverno per limitare l’uso delle plastiche monouso e contribuire alla sostenibilità ambientale.

Il Progetto Ossigeno, voluto fortemente dal Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, che ha previsto la piantumazione di 6 milioni di nuovi alberi tanti quanti sono gli abitanti del Lazio per una trasformazione green della Società, ha consentito di piantare nel Comune di Priverno 220 nuove essenze tra alberi e arbusti in varie località e che durante la due giorni sarà presentato agli alunni con un apposito video per sensibilizzarli sulla straordinaria importanza che hanno gli alberi per la vita dell’uomo e la qualità dell’ambiente.

Il giorno 18 novembre l’Amministrazione Comunale, alla presenza della Sindaca Anna Maria Bilancia e degli Assessori Antonio Ines e Sonia Quattrociocche, insieme all’Assessora Regionale Enrica Onorati e al Direttore Regionale Parchi e Aree Protette Vito Consoli sarà all’IC Don Andrea Santoro e il 22 novembre all’IC San Tommaso d’Aquino, alla presenza del Corpo dei Carabinieri Forestali nell’ambito del progetto “Un albero per il futuro” promosso dal Ministero dell’Ambiente.

I commenti non sono chiusi.

Facebook