giovedì 01 Dicembre 2022,

Primo Piano

Ξ Commenta la notizia

Terracina. “Sproloqui e piagnistei quotidiani, con abbraccio giudiaco”. Risposta di Gianfranco Sciscione al post dell’on. europeo

scritto da Redazione
Terracina. “Sproloqui e piagnistei quotidiani, con abbraccio giudiaco”.   Risposta di Gianfranco Sciscione al post dell’on. europeo
Io al suo posto starei più sereno perché non intendo commentare nulla ma sottolineare alcuni fatti.
E vero a Terracina ci conosciamo tutti.
*Io le persone che lavorano per me le pago con il frutto del mio lavoro e non con denari pubblici.
*Ho sempre rispettato le leggi e quanto sono stato denunciato ho avuto fiducia nella giustizia rinunciando alla prescrizione.
Ricordo che quando venne da me per essere aiutato, dicendomi che potevamo fare tante cose belle per la nostra città e potevo aiutarlo, come se fosse stato mio figlio e non vado oltre.
Questo è stato il mio grande errore, e ne pago le conseguenze, perché chi sbaglia deve pagare.
Per questo dopo il 20 settembre 2020 vendendo il risultato elettorale ho deciso di ritirami dalla politica perché io vivo del frutto del mio LAVORO e pago le tasse.
* Abbiamo circa 300 dipendenti tra Lazio e la Toscana.
*Abbandonai la maggioranza già il 13 dicembre 2018 quando notai alcune cose non erano per me regolari e le ho dette in Consiglio comunale il 24 giugno 2019 con una mia mozione, che fu respinta.
Il consiglio comunale come sapete sotto la mia presidenza fu messo on line e i carabinieri sentirono il mio intervento e mi convocarono.
*MAI sono andato a denunciare nessuno, sono sempre stato chiamato, anche dalla DDA come persona informata dei fatti, perché anche io mi accorsi che avevo il telefono sotto controllo.
*Rispetto la giustizia e non mi sono mai avvalso di nessun privilegio che le cariche pubbliche offrono.
Ricordo a me stesso quando fui eletto consigliere regionale, all’epoca c’era il vitalizio bastava anche un giorno di presenza in aula e un minimo di due anni sei mesi e un giorno di contributi per avere il vitalizio a vita.
*Io però quel vitalizio non l’ho mai avuto per libera scelta.
*Quando fui nominato presidente delle case popolari il mio primo atto fu di far vendere la “macchina blu”, di non ritirare né il telefonino né il computer che spettava al presidente.
*Ho esercitato il mio mandato in quasi tutti i comuni della nostra provincia, andando sempre con la MIA macchina, a mie spese, e mai chiesto rimborso chilometrico, andando in Regione Lazio per doveri d’Istituto, sempre a mie spese.
Sono stato definito uno dei migliori presidenti dello IACPI.
Ciampi è ancora direttore, se vuole mi può smentire, come mi possono smentire tutti i consiglieri di amministrazione che mi hanno accompagnato nel mandato.
*Altro cosa voglio ricordarLe: quella di aver salvato il cimitero di Terracina da un project in financing come quello che ha oggi il Comune di Latina.
*Ad eccezione del Calcatore, come dissi in consiglio comunale, ciò che gli inquirenti hanno scoperto lo sto leggendo sui giornali.
*La caldaia del Fiorini.
Una consigliera di maggioranza fece un’interrogazione, non sapevo nulla, la questione afferente al gasolio per far funzionare l’Ice Park l’ho capito solo durante due commissioni consiliare ad hoc.
*Sui titoli dei giornali io non posso fare nulla, ma basta leggere il virgolettato, anche questa è stata un’intercettazione.
Ieri i miei giornalisti, e ho visto in onda il servizio, hanno fatto una intervista serena senza alcun acredine.
Lo hanno fatto perché sono LIBERI nella loro professione.
Chiudo affermando che, se non ha fatto nulla di male abbi pazienza perché la giustizia farà il suo corso, come fece con me, pur avendo avuto un accanimento fui ASSOLTO su tutte e 6 i capi di imputazione per non aver commesso il fatto: in 1* 2* grado e in Cassazione.
*Ma la settimana prima del ballottaggio del 2011 dal Corriere della Sera qualcuno fece uscire il mio rinvio a giudizio, facendo fotocopiare il giornale e alle 9 del mattino Terracina fu invasa da questa notizia.
Lo stesso giornalista estensore dell’articolo venne da me per sentire anche la mia versione, ma ormai il ballottaggio era andato.
Magra fu la consolazione per le sue formali scuse.
Anche in questa occasione non utilizzai la mia tv per questo atto infamante, e nonostante tutto ciò fosti da me aiutato a rifare il sindaco.
Perdonai anche la foto di questo ignobile manifesto che dopo il ballottaggio fu affisso per le strade della nostra città.
Purtroppo, quello che è successo e sta succedendo a Terracina non è la vittoria di nessuno, ma la sconfitta politica dell’intera città.
Gianfranco Sciscione
I commenti dei cittadini sul post di Procaccini
• Gianfranco Sciscione
• Rispondi
• 2 h
Lina Parisella
Gianfranco Sciscione giorno Gianfranco chi la fa sotto la neve si scopre
• Rispondi
• 1 h
• Osvaldo Zandonà
Gianfranco Sciscione Per carita’!
• Rispondi
• 1 h
• Anna De Riso
Gianfranco Sciscione RIDICOLI AL MASSIMO…
◦ Rispondi
◦ 2 m
• Luca Iacovacci
Pura e santa verità…….
• Rispondi
• 1 h
• Claudio David
Agli invidiosi non bisognerebbe nemmeno rispondere presidente, credo che lei abbia dato rispetto e confidenza anche a chi non merita, avanti tutta e buon lavoro presidente.
• Rispondi
• 1 h
• Alfio Lombardi
che persone ignobili…
• Rispondi
• 1 h
• Stefania Maietti
Posso? Alla pochezza non va mai risposto nè raccolto il guanto di sfida, a mio modo di vedere la vita.I fatti in questi anni hanno dimostrato ampiamente il delirio di onnipotenza di un’amministrazione che è stata capace di distruggere la città è la sua…
Altro…
• Rispondi
• 1 h
• Anna De Riso
Stefania Maietti bellissima testimonianza, grazie Stefania…..
◦ Rispondi
◦ 1 min
• Antonio Mattagola
Giornale spazzatura
• Rispondi
• 1 h
• RiccardoGrella Giovanna Zona
Presidente siete un signore
• Rispondi
• 1 h
• Mara Pedretti
Santa verità, evviva l onestà Gianfranco Sciscione
• Rispondi
• 1 h
• Vincenzo Esposito
buongiorno amico mio, lasciali perdere perchè questo è solo un modo mediatico di basso profilo, esiste una magistratura, esistono elementi per cui sono stati emessi dei provvedimenti, non sei certo tu che gli hai detto DI FARE O NON FARE, intanto dovre…
Altro…
• Rispondi
• 1 h
• Piero Bonsignori
La sua solita strategia di cercare di spostare l’attenzione altrove, per evitare che i cittadini rimangano concentrati sui fatti…
Ma la gente ormai dovrebbe aver capito e dovrebbe aver aperto gli occhi…
Altrimenti sarà veramente la fine …
• Rispondi
• 1 h
• Marcella Manca
I giornali stamattina dicono che eravamo su “SCHERZI A PARTE”
• Rispondi
• 56 m
• Massimiliano Andrea Di Lello
Ci vuole il cambiamento, alle prossime elezioni bisogna votare per persone nuove che non abbiamo nessun accomunamento con le passate amministrazioni
• Rispondi
• 33 m
• Eva Polignano
la “onestà” di una Città che tutto è meno che meravigliosa perchè puntualmente infangata da gente che ha “votato” Chi non non le rende i suoi Servigi da vero Servitore dello Stato quale invece dovrebbe essere, per renderla almeno accettabile. Una città che potrebbe vivere solo di Turismo per le Potenzialità che ha. Che sia una nuova Alba, ma dopo che tutto il fango sia stato lavato.

I commenti non sono chiusi.

Facebook