giovedì 14 novembre 2019,
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo

Cronaca

Ξ Commenta la notizia

Terracina – capolarato. Esecuzione misura cautelare per Balwant Singh Hansra

scritto da Redazione
Terracina – capolarato. Esecuzione misura cautelare per Balwant Singh Hansra

Gli agenti del Commissariato di Terracina, hanno dato esecuzione all’ordinanza di applicazione della misura cautelare della custodia in carcere, emessa dal Tribunale di Latina a carico di Balwant Singh Hansra, 36enne cittadino indiano. La misura segue e completa le indagini che avevano portato lo scorso 11 ottobre all’arresto dell’imprenditore agricolo Alessandro Gargiulo, resosi responsabile dello sfruttamento di braccianti agricoli immigrati, percossi a bastonate e minacciati con l’uso di un fucile a pompa. Le indagini avevano fatto emergere il ruolo di un “caporale” conosciuto con lo pseudonimo d “Ans”. Gli elementi acquisiti dagli investigatori hanno consentito appuntare le attenzioni investigative sul cittadino indiano che aveva favorito Gargiulo nel disfarsi dell’arma dopo averla utilizzata per terrorizzare i braccianti agricoli. Come avevano raccontato le vittime, il connazionale “Ans” aveva il compito di sorveglianza sui campi e di contabilizzazione, di ogni singola ora di lavoro prestato, secondo parametri totalmente difformi ai contratti di lavoro della categoria. La paga oraria, fissata in circa 4 euro senza tenere conto delle maggiorazioni in caso di orari festivi e notturni, veniva drasticamente ridotta dal caporale che annotava su un quaderno ogni singola pausa, anche quelle fatte per provvedere ai bisogni fisiologici. Nel corso dell’operazione di polizia, che ha portato all’arresto del “caporale Ans”, sono stati rinvenuti utili riscontri all’indagine. Gli Agenti della Squadra Anticrimine hanno sequestrato documentazione, al vaglio degli organi requirenti, che richiama esattamente quanto riferito dalle vittime.
I capi d’imputazione a carico dell’arrestato, ristretto presso la Casa Circondariale di Latina, sono gli stessi contestati al suo datore di lavoro. Ans dovrà infatti rispondere, in concorso con l’imprenditore agricolo, dei reati di sfruttamento del lavoro con l’aggravante delle minacce nonché di favoreggiamento personale e porto abusivo di arma da fuoco.

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+