mercoledì 30 Novembre 2022,

News

Ξ Commenta la notizia

Solidarietà, firmato protocollo d’intesa tra Ucid giovani Lazio e delegazione Smom di Veroli

scritto da Redazione
Solidarietà, firmato protocollo d’intesa tra Ucid giovani Lazio e delegazione Smom di Veroli

È stato firmato oggi a Latina presso la Casa del Combattente il protocollo d’intesa tra i Giovani UCID (Unione Cristiana Imprenditori Dirigenti) Gruppo Regionale Lazio e la Delegazione di Veroli del Sovrano Militare Ordine di Malta.

Il protocollo formalizza una collaborazione sinergica per iniziative di solidarietà già da tempo avviate sul territorio di Latina nel pieno della pandemia, grazie alla Sezione Territoriale UCID e agli imprenditori pontini che hanno contribuito all’acquisto di derrate alimentari destinate dalla Caritas della Diocesi alle fasce più deboli della popolazione locale durante l’emergenza epidemiologica.

Presenti oltre a Samuele Maria Giorgio, Presidente Gruppo Giovani Latina, e Giovanni Ritirossi, Presidente UCID Giovani Lazio, che hanno firmato il protocollo insieme a Francesco Berardi Presidente della Sezione UCID di Latina, il Presidente UCID Giovani Nazionale Benedetto Delle Site, che ha elogiato l’iniziativa e si è congratulato con i promotori auspicandone anche l’estensione territoriale.

Erano inoltre presenti il Segretario Simona Mulé e i Vicepresidenti della Sezione Laila Barrucci Pitton e Chiara Dimauro.

“Il protocollo d’intesa – sottolinea Giovanni Ritirossi, Presidente Giovani UCID Lazio – vuole essere la prima pietra di una rete solidale fra gli imprenditori, i dirigenti e i professionisti cristiani del Lazio e la Delegazione di Veroli del Sovrano Militare Ordine di Malta. Nei prossimi mesi, la crisi energetica e gli effetti recessivi della guerra in Ucraina rischiano di accrescere povertà e situazioni di bisogno.”

“Per questo – conclude Ritirossi – come UCID Lazio vogliamo rafforzare la sinergia con le associazioni cristiane nostre sorelle e con le Diocesi e le Caritas diocesane, perché l’economia che intendiamo realizzare nel prossimo futuro, come ci insegna Papa Francesco, deve essere una economia inclusiva e solidale, che non lasci indietro nessuno e si prenda cura della comunità nella sua interezza”.

I commenti non sono chiusi.

Facebook