lunedì 01 Marzo 2021,

Regione

Ξ Commenta la notizia

Sanità. Due su dieci chiamano Tbm per errori medici

scritto da Redazione
Sanità. Due su dieci chiamano Tbm per errori medici

Quasi due cittadini su dieci (il 17,7%) nel 2012 hanno chiamato il Tribunale del malato per casi di presunto errore medico, in crescita di un punto e mezzo rispetto al 2011 (16,3% delle segnalazioni). Il dato emerge dal XVI Rapporto Pit salute, presentato oggi a Roma al ministero della salute, secondo il quale c’è comunque una diminuzione di presunti errori diagnostico-terapeutici, passati dal (62,7% delle segnalazioni del 2011 al 57% del 2012).  Si sbaglia diagnosi, almeno nelle lamentele dei cittadini, soprattutto nell’area oncologica, che rappresenta il 27,3% delle chiamate per presunti errori medici, dato in lieve aumento rispetto al 26,5% del 2011. La seconda area più segnalata per errori o malpractice resta l’ortopedia, che si attesta ad un 14,3% (ma rimane in testa per gli errori terapeutici, con il 32,1% delle segnalazioni) e a seguire l’area della ginecologia ed ostetricia con il 9,1% delle segnalazioni  E lo scorso anno sono aumentano di molto le segnalazioni riguardanti le condizioni delle strutture sanitarie, passando dal 15% del 2011 al 23% del 2012. È un dato preoccupante, considerato che l’anno scorso avevamo addirittura registrato una lieve flessione, mentre sono ‘stabili’ (intorno al 12%) le segnalazioni sulle disattenzioni del personale sanitario, ovvero tutti quei comportamenti che, pur non avendo causato un danno, rappresentano procedure incongrue e potenzialmente rischiose. Una delle aree nelle quali si riscontrano casi di mal practice risulta essere anche l’utilizzo di protesi difettose. Si tratta del 3,4% dei casi, in particolare relativi a protesi mammarie e protesi d’anca.

Rispondi alla discussione

Facebook