domenica 26 Giugno 2022,

Politica

Ξ Commenta la notizia

Roma&Lazio. La politica, le opinioni, i fatti

scritto da Redazione
Roma&Lazio. La politica, le opinioni, i fatti

COMUNALI. MARCHINI: BASTA CON INUTILI TATTICHE DEI PARTITI. LETTERA AL QUOTIDIANO IL TEMPO: “RIDARE DIGNITÀ A ROMA
Ho incontrato il prefetto Tronca e abbiamo condiviso la necessità di trasformare l’amministrazione capitolina in modo da renderla efficiente e capace di valorizzare il merito e la trasparenza. Abbiamo condiviso l’esigenza di ridare decoro e dignità a questa città abbandonata e umiliata e su questo già abbiamo assicurato tutto il nostro supporto. Roma è la soluzione dei suoi mali sono le mie sole priorità. Le tattiche partitiche non mi appassionano e lascio ad altri il gioco dei veti“. Lo scrive Alfio Marchini in una lettera inviata al quotidiano Il Tempo.
Voglio con grande determinazione dare voce a quei romani “liberi e forti” che non si riconoscono nel Pd e nel Movimento 5 stelle – continua Marchini- Siamo liberi dai pregiudizi e forti nella incrollabile determinazione di far rinascere Roma. La Capitale della nostra patria. Il nostro è un impegno disinteressato e generoso. Lo abbiamo dimostrato in questi anni di fiera opposizione dove abbiamo rinunciato a privilegi e prebende. Senza di noi, Marino sarebbe ancora sindaco. Fatti non parole. Andiamo avanti senza esitazione felici di coinvolgere chiunque voglia unirsi a noi in questo grande progetto di rinascita che metta Roma è solo Roma al centro di tutto. Una prospettiva politica innovativa capace di fondere civismo e politica. La società civile non è contro la politica. Piuttosto essa rappresenta la sola linfa che puo’ ancora ossigenarla“.


Affitti Roma: Storace, è scandalo serve giustizia sociale
Io vorrei che in questa città grande dove ci sono immensi problemi sociali il Comune si ponesse un problema che si chiama giustizia sociale. C’e’ tanta gente che ha bisogno della casa, tanta gente a cui la devi dare ed è uno scandalo quello che abbiamo letto sui giornali“. Così il candidato sindaco di Roma Francesco Storace, ospite ieri di Piazza Pulita su La7, commenta il caso ‘Affittopoli’ nella Capitale.
Nel 2007 c’è stato il censimento con la giunta Veltroni di tutti gli stabili occupati e si è stabilito che il 25% non venisse sgomberato ma dato alle associazioni. E’ una cosa normale?” aggiunge.


Affitti Roma: battibecco in tv tra Fassina e Storace
Leader Destra, “colpa vostra”. Replica, “non accettiamo lezioni”
La questione ‘Affittopoli’ ha scaldato gli animi di due candidati sindaco di Roma, Stefano Fassina e Francesco Storace, ospiti ieri sera di Piazza Pulita su La7.
Voi avete provocato questo casino, voi che avete governato il Comune per 30 anni” tuona il leader della Destra. “Ma tu ti sei dimenticato che sei stato il presidente della Regione Lazio? Hai lasciato un buco di un miliardo sulla sanità – replica l’esponente di Sinistra ItalianaAlmeno non parlare, ora vieni a dare lezioni di efficienza amministrativa tu che hai amministrato il Lazio per 5 anni. Quante case ci potevi comprare con quei soldi? Un minimo di dignità…“.


AFFITTOPOLI, ACTION: NELLE CASE DEL COMUNE CI DEVONO ABITARE I POVERI
Siamo alle solite purtroppo, ancora uno scandalo su Roma Capitale e ancora una volta un prezzo salatissimo che rischia di esser pagato come sempre dai poveri, da tutti coloro che vivono ogni giorno il dramma dello sfratto, della ricerca di una casa e della mancanza cronica di un reddito certo. Oggi però lo scandalo di affittopoli ci sta consegnando una discussione assolutamente sterile che non approfondisce, che non riesce a fare dei distinguo e che si sofferma sulla dialettica del gossip mediatico delle case al centro città date a 8 euro al mese, senza operare dei doverosi distinguo. Un dibattito che piuttosto che porre l’accento su chi ha diritto a pagare poco e chi no, riconosce unicamente la monetizzazione dello spazio urbano per cui, se sei povero, non puoi abitare a Roma ma devi vivere oltre il confine-città, in periferie estreme colme di disagio, prive di servizi e di socialità“. Così, in una nota dell’Action.
Questo scandalo sul patrimonio comunale che è stato consapevolmente mal gestito – prosegue la nota – ci dice ancora una volta che gli interessi di pochi ricchi o espressione di una società molto benestante non devono essere toccati, nemmeno quando il loro gioco viene disvelato e dichiarato a tutti. Così accade nella nostra, ormai incomprensibile città, che il palazzo di via Prenestina che ospitava circa 10 famiglie che avevano subito uno sfratto e che non erano riusciti a farsi riconoscere una casa per se e i loro familiari, sono state brutalmente sgomberate dalla loro abitazione precaria, messe per strada senza alcuna soluzione riparativa e, un palazzo come questo, affidato non si sa bene come, all’ordine dei cavalieri di Malta, con un affitto ridicolo di pochi euro al mese, resta occupato, senza alcun titolo e soprattutto senza nessuna funzione sociale per la cittadinanza. Avete mai sentito dire che questa organizzazione sostiene e aiuta le persone disagiate?? Fa beneficenza?? Da accoglienza ai senza casa? Così come altri immobili comunali dati a indubbie organizzazioni le cui sedi sono quasi sempre chiuse e inaccessibili! Siccome poi gli scandali dei malaffari capitolini si risolvono spesso in una legalità priva di giustizia sociale e vengono svenduti ai privati, ci sembra giusto e legittimo dire che da oggi il patrimonio immobiliare pubblico malgestito deve essere sottratto a chi non ha diritto, a chi non svolge una funzione sociale e restituito, sotto forma di assegnazione, di accoglienza temporanea ai poveri e agli sfrattati di Roma. A fronte di 50 mila richieste inevase di case popolari, di 7,500 sfratti in esecuzione, di 3,500 famiglie già sfrattate e per strada e altre 5000 in precarietà abitativa diciamo che questo patrimonio si rigenera e si riabita con chi ha diritto e non più per privilegio. Se non lo farete voi ci penseremo noi“.


SPORT, DA REGIONE 1 MILIONE PER PROGETTO “SCUOLA DI SQUADRA”
Un milione di euro è il budget messo a disposizione dalla Regione Lazio per gli Istituti Secondari di Secondo Grado con l’obiettivo di dotarli dell’attrezzatura necessaria a svolgere attività sportive favorendo, inoltre, la diffusione di un ampio ventaglio di discipline anche quelle considerate minori. Si tratta di 270 scuole nel Lazio che usufruiranno di materiale per lo sport grazie al progetto “Scuola di Squadra“. L’annuncio lo ha fatto il Presidente della Regione Lazio in occasione della presentazione della XXIII edizione del torneo “Volley Scuola“.
Lo scorso anno – ha dichiarato Zingaretti intervenendo alla conferenza – andai a inaugurare una palestra, non c’era nessuna struttura sportiva e voi – riferendosi ai ragazzi presenti – ci avete aiutato a montare le reti. Abbiamo pensato allora al progetto scuole di squadra per comprare palloni, reti, strutture. Ogni scuola – ha concluso Zingaretti – potrà scegliere quali sono i materiali di cui ha bisogno per la propria palestra e noi abbiamo i fondi a disposizione“.
La Regione ha quindi avviato le procedure di gara ad evidenza pubblica per poter fornire le attrezzature sportive con l’inizio dell’anno scolastico 2016/2017. A tal fine, ogni istituto riceverà un questionario da compilare per esprimere i fabbisogni di attrezzature sportive a partire da un elenco precedentemente individuato dalla Regione. In base alle richieste poi si provvederà alla consegna del materiale necessario all’attività.


Roma: Calabria (Fi), per Orfini vince Pd? Secondo lui Marino era bravo…
Secondo Orfini a #Roma il Pd vincerà facile. Senza offesa, ma per lui anche Marino era un grande sindaco…” Lo scrive su Twitter la deputata di Forza Italia Annagrazia Calabria che spiega: “La sicurezza del presidente del Pd Orfini sull’esito delle comunali a Roma sembra più una forma di autoconvincimento che un’espressione di reale convinzione. Ed è curioso che lo stesso Orfini, il più strenuo sostenitore del sindaco Marino, ora sia costretto a far finta che quella fallimentare amministrazione non sia mai esistita. Su una cosa Orfini ha ragione: il centrodestra unito può vincere. Avanti allora, insieme, per archiviare una volta per tutte la parentesi disastrosa della sinistra e per restituire ai romani la Città che meritano“.


COMUNALI, CACCIOTTI (FI): “MARCHINI UNICO CANDIDATO VINCENTE PER CENTRODESTRA”
Continuo a osservare stupefatto il valzer di nomi intorno ad una candidatura credibile e in grado di riportare il centrodestra alla guida del governo di Roma Capitale. Un balletto mediatico, evidentemente messo in atto da qualche partito o movimento minoritario, che non fa bene all’immagine del centrodestra. In questo contesto, mi preme ribadire che l’unica candidatura realmente vincente per Forza Italia e per tutto il centrodestra sia quella di Alfio Marchini, imprenditore di successo e uomo che conosce benissimo le esigenze e le necessità della comunità capitolina. Fossi nei panni dei vertici del partito, punterei tutto su di lui”. Così, in una nota, l’esponente di Forza Italia e vicepresidente del Consiglio metropolitano di Roma Capitale, Mario Cacciotti.

Rispondi alla discussione

Facebook