sabato 13 Luglio 2024,

Politica

Ξ Commenta la notizia

Roma&Lazio. La politica, le opinioni i fatti

scritto da Redazione
Roma&Lazio. La politica, le opinioni i fatti

Spending review: tagliati i pannoloni per gli anziani
RIDOTTA LA DOTAZIONE DI PRESIDI PER INCONTINENTI NELLE CASE DI RIPOSO DEL LAZIO
Ci auguriamo, come sempre, che la notizia non risponda al vero. Sarebbe inconcepibile. Si tratta di tagliare risorse sulla pelle dei più fragili e questo una associazione come la nostra, ma riteniamo tutta la comunità regionale, non può proprio accettarlo”. Lo sostiene il presidente di AssoTutela Michel Emi Maritato che così argomenta: “Le case di riposo per anziani fragili della provincia di Frosinone hanno lanciato l’allarme contro i tagli sulla dotazione di pannoloni che passerebbero da 3 a 2 al giorno. Ci auguriamo che sia solo una svista di qualche burocrate regionale perché ciò significa lasciare ore ed ore persone senza il doveroso cambio, con il pericolo di infezioni, decubiti e altre conseguenze, oltre ai problemi di igiene e di disagio che la tale carenza può causare. Come al solito – tuona Maritato – siamo ai risparmi sulla pelle dei più deboli, persone la cui pensione non consente di provvedere autonomamente alle carenze del pubblico. Un pubblico incarnato da una regione che non fa altro che lanciare proclami: portali all’avanguardia, siti strabilianti, hostess e steward in pronto soccorso, senza accorgersi dei problemi quotidiani delle persone, specie le più indifese. AssoTutela monitorerà, come sempre, la situazione, affinché si ripristini un minimo di sostenibilità, igiene e qualità dell’assistenza. La casa di riposo sia un luogo affidabile, non un lager”, conclude il presidente.


PARENTOPOLI, PALOZZI (FI): “COTRAL SPA ADESSO SI COSTITUISCA PARTE CIVILE”
E’ notizia di queste ore il rinvio a giudizio per quattro dirigenti Cotral, accusati di abuso d’ufficio e falso in atto pubblico. Voglio ricordare che la vicenda giudiziaria è stata avviata proprio durante la mia presidenza, quando l’allora Cda, ravvisando tutta una serie di gravi inadempienze in ordine alle assunzioni e alla riqualificazione dell’organico aziendale nel periodo tra il 2008 e il 2010, decise di segnalare alla Magistratura l’operato dei quattro dirigenti. La notizia di oggi del loro rinvio a giudizio non è chiaramente una prova di colpevolezza, ma un momento importante di verifica e approfondimento dei fatti accaduti che, mi auguro, spingerà la presidente della Cotral Spa, Amalia Colaceci, a costituirsi parte civile nel processo penale: un dovere etico e morale degli attuali amministratori a tutela della stessa dignità dell’Azienda pubblica regionale e nel rispetto dei suoi lavoratori e di tutti i cittadini”. Così in una nota il consigliere regionale FI e vicepresidente della commissione Trasporti, Adriano Palozzi, già presidente di Cotral Spa.


SANITA’, PALOZZI (FI): “ZINGARETTI PENSI AI PROBLEMI DEL PRESENTE”
Anziché dare spazio ai facili trionfalismi annunciando che a dicembre 2015 potrebbero esserci buone possibilità di chiudere il disavanzo sanitario a zero, consiglio all’aleatorio Zingaretti di rimanere con i piedi ben ancorati per terra e occuparsi seriamente dei problemi del presente. Pensare di uscire dal commissariamento è senz’altro una ipotesi affascinante ma le risultanze ufficiali si avranno solamente fra qualche mese dal tavolo di rientro: per questa ragione la vera sfida del presidente della Regione ad oggi è quella di assicurare una programmazione sanitaria realmente al servizio del cittadino. Programmazione sinora irrealizzata, considerato che i pronto soccorso sono in continua sofferenza, le lista d’attesa impietosamente lunghe e le case della salute un vero e proprio flop”. Così il consigliere regionale FI, Adriano Palozzi.


STRISCE BLU, PALOZZI (FI): “IMPROTA CHIEDA SCUSA AI ROMANI”
Reputo assolutamente gravi e offensive le dichiarazioni di Improta in merito al ricorso contro l’aumento del costo delle strisce blu nella Capitale. Innanzitutto la questione dell’incremento dei parcheggi a pagamento non è così ‘marginale’, come l’assessore capitolino va facendo credere, e quindi bene ha fatto il Codacons a rivolgersi ai giudici. Stiamo parlando di un rincaro spropositato, che inficia le tasche di tanti cittadini romani, e che non può essere giustificato con un vago quanto inutile calcolo dell’inflazione. Soprattutto allo stato attuale, dove la crisi economica è ancora sensibile e gli stipendi delle famiglie sono quelli che sono. Sollecito, dunque, l’assessore a rettificare le sue ‘sbilenche’ affermazioni e, soprattutto, a chiedere scusa a tutti coloro che democraticamente reputano oneroso e fuoriluogo il provvedimento comunale sulle strisce blu”. Così il consigliere regionale FI e vicepresidente commissione Mobilità, Adriano Palozzi.


TOR SAPIENZA, PALOZZI (FI): “ANCORA FUMI TOSSICI E RESIDENTI DISPERATI”
Ancora una volta torno a denunciare con forza la presenza di nuovi fumi tossici nei quadranti periferici della Capitale. La segnalazione odierna arriva dal comitato di quartiere Tor Sapienza, che su facebook ha postato le immagini dell’ennesimo rogo, verificatosi stamattina nell’area del campo rom di via Salviati. Rogo che segue quello di domenica scorsa, ironia della sorte consacrata dal Campidoglio giornata ecologica. Per tutti ma non per i residenti di Tor Sapienza, che ormai da mesi continuano a respirare aria insalubre e dannosa per l’ambiente. Evidentemente le attività di monitoraggio, promesse dal sindaco Marino, si stanno rivelando insufficienti e serve davvero ben altro per riportare sotto controllo la vivibilità del quadrante. Sul tema mi domando: sono stati mai identificati gli autori degli incendi dolosi? Come si sta procedendo al contrasto del fenomeno del rovistaggio nei cassonetti? Sono programmate ulteriori azioni di bonifica nell’area del campo rom? Domande che si pongono da tempo anche e soprattutto i cittadini di Tor Sapienza e alle quali è dovere dell’amministrazione capitolina fornire immediata risposta”. Così il consigliere regionale FI e vicepresidente commissione Ambiente, Adriano Palozzi.

Rispondi alla discussione

Facebook