lunedì 10 Maggio 2021,

Dai Comuni

Ξ Commenta la notizia

Roccagorga: Restaini e Fusco, un appello al ripristino della legalità nell’Amministrazione Comunale

scritto da Redazione
Roccagorga: Restaini e Fusco, un appello al ripristino della legalità nell’Amministrazione Comunale

Fa sorridere l’articolo commissionato dal gruppo Tradizione e Futuro, parlano di ostracismo e talk –show vergognoso, sicuramente quello che stanno offrendo ai cittadini di Roccagorga ed all’intera provincia oltre agli organi preposti a tutela della legalità e trasparenza, nell’assoluta incapacità non solo di governare il paese, ma semplicemente di mettere insieme in modo corretto, i pochi amministrativi che in maniera raffazzonata presentano al Consiglio Comunale.

Quello che è avvenuto nel consiglio del 09.03 è la dimostrazione assoluta di quanta improvvisazione vi sia e sia Lubiana Restaini, Capo Gruppo di Forza Italia che il Presidente del Consiglio Maurizio Fusco nel rispetto dei ruoli, oltre ad esplicitare nella massima assise le loro motivazioni, esponendosi sempre nell’interesse collettivo, non esiteranno al coinvolgimento degli enti sovracomunali preposti dichiarandolo apertamente in Consiglio Comunale!

“Certamente non abbiamo bisogno – dichiara l’esponente di Forza Italia Restaini – per competenza, esperienze di lavoro e professionali, di assoldare scrivani, cosa che invece loro non disprezzano affatto, per avere un pensiero limpido e chiaro né farsi suggerire cosa dire, o mimi che imbeccano risposte che non si sanno dare. Noi da tempo chiediamo correttezza, chiarezza e trasparenza negli atti amministrativi, lo scriviamo, lo motiviamo, e siamo l’unico presidio che si appella al ripristino della legalità martoriata ed umiliata che voi proprio non sapete cosa sia, dimostrandolo quotidianamente. Capiamo che chi è alla guida di questa amministrazione, senza sapere cosa guidare, viva di fantasmi e di vittimismo seriale, ma è un problema che non riguarda la collettività che non è amministrata, riguarda un suo fatto personale.

Atteggiamento ostativo ed offensivo nei confronti della segretaria Comunale? A noi il ruolo della segretaria Comunale è ben chiaro, ma ci rendiamo conto che per qualcuno è ad esclusivo appannaggio della maggioranza, svilendo quel ruolo importante che noi abbiamo richiesto in maniera ripetuta con note ed esposti, conseguentemente ai pasticci creati da chi assolveva le funzioni senza grandi meriti.

Su 4 punti all’ordine del giorno 2 sono stati ritirati, uno per problemi di convenzione dell’ufficio di segreteria associata con i Comuni di Amaseno e di Bassiano, uno, quello degli indirizzi per la nomina del nuovo revisore dei conti dell’Azienda Speciale, per assenza nella proposta di delibera del dispositivo! Questo è lo show a cui si assiste!!

La condotta del Presidente del Consiglio è ineccepibile con richiami continui al rispetto del regolamento ed ai ruoli di ciascuno, nel rispetto della massima assise consigliare, fino a chiedere prima del consiglio comunale, un parere protocollato con pec circa l’assenza del parere obbligatorio del revisore dei conti sul Regolamento per il canone unico. Pec che non risulta protocollata, se non il giorno dopo, mentre alle 17.48, ossia 12 minuti prima del consiglio comunale viene protocollato a mano un parere del revisore di conti, privo di firma con la dicitura F.to con il nome del revisore.

La segretaria assumendosi la responsabilità si è espressa in consiglio. Noi riteniamo che prima della nota del Presidente del Consiglio non si aveva contezza della necessità del parere tanto che nella proposta di delibera agli atti non è citato il parere del revisore dei conti, che si ripete essere obbligatorio.

Per non parlare del regolamento per l’applicazione dell’ISEE per i servizi a domanda individuale, dimenticando servizi importanti che non si ritengono a domanda individuale, e approvato senza il parere contabile del responsabile, ma soprattutto senza alcuna analisi di impatto sulle situazioni familiari dei cittadini di Roccagorga, sui redditi imponibili, sui quozienti familiari, sull’esenzione per i redditi di sopravvivenza, e si ha il coraggio di vantarsene “….gestione che sia il più possibile imparziale e trasparente!” Vedremo quando i servizi saranno attenzionati dai rincari che vi accingete a fare, vedremo quando i commercianti sfiniti dalla crisi, costretti per non morire a resistere con tutte le difficoltà senza alcun aiuto da parte di questa amministrazione, dovranno abbandonare le loro attività! Questo è lo show – spettacolo più triste ed avvilente a cui si sta sottoponendo l’intera comunità.” – conclude Lubiana Restaini

I commenti non sono chiusi.

Facebook