sabato 13 Agosto 2022,

Primo Piano

Ξ Commenta la notizia

Regione Lazio. Pesca:”Settore piegato dalla crisi”

scritto da Redazione
Regione Lazio. Pesca:”Settore piegato dalla crisi”

“In consiglio regionale oggi si è discusso della “Crisi del settore della pesca nel Lazio”. Un tema che deve essere affrontato in un’ottica costruttiva e lungimirante per dare risposte ad un settore che sta attraversando una profonda crisi strutturale. Emergenza che sta sottraendo una risorsa importantissima all’economia della nostra regione che fino ad una ventina di anni fa, proprio nella pesca, trovava un settore di punta e di traino del proprio Pil. Oggi le città del Lazio che affacciano sul mare, da Civitavecchia ad Anzio, passando per Nettuno, Latina, Terracina, Formia, Gaeta, per citarne solo alcune, stanno assistendo ad un costante impoverimento di questo comparto con il crollo di risorse umane e professionali e la cancellazione di tutte quelle imprese, soprattutto di piccole dimensioni e a conduzione familiare, che dal mare e nel mare traevano la propria sussistenza. A questo si è aggiunta la crisi pandemica che ha comportato una incisiva diminuzione delle attività, della produzione ed il drastico calo dei prezzi dei prodotti. Purtroppo per la pesca non sono stati attuati piani di salvaguardia, rilancio e sostegno. Così come è impossibile non rilevare che mancano scelte e leggi di riferimento per questo comparto. In questo contesto non può sfuggire come la materia risulti essere complessa considerato che non si può ragionare solo in termini europei, come accade per l’agricoltura, ma è necessario confrontarsi con tutti i Paesi che in questo mare si affacciano. Esemplificativo il caso della condivisibile decisione europea di ridurre, con il cosiddetto fermo biologico, ulteriormente per il 2022 la pesca nel Mediterraneo mentre gli altri attori che operano nel mare nostrum vanno avanti indisturbati incidendo negativamente non solo sulla tutela della ripopolazione di alcune specie ittiche ma anche sull’economia italiana e di chi tali scelte le rispetta.  Come istituzioni abbiamo il dovere di intervenire e di farlo con rapidità. Per questo credo sia necessario prendere spunto da quanto emerso in consiglio regionale ed attivarsi rapidamente per l’istituzione di tavolo interistituzionale sulla crisi del comparto in cui affrontare le criticità e formulare delle proposte da sottoporre all’analisi e al vaglio dell’aula al fine di definire misure adeguate per sostenere l’occupazione e il comparto, investire in tecnologie e processi innovativi, limitare i danni ecologici e combattere la pesca illegale. Questi gli assi prioritari da cui far emergere una strategia regionale di rilancio del settore della pesca, in linea con quanto dettato dalle regole europee ma anche con quella che viene definita “Transizione blu”. Proprio in tale contesto sono soddisfatto dell’approvazione dell’ordine del giorno, di cui sono primo firmatario, che ha trovato ampia condivisione nei colleghi di maggioranza ed opposizione con cui diamo mandato alla giunta di predisporre, fermo restando le iniziative già esistenti, un emendamento da inserire nella Proposta di legge regionale sulla Blue Economy, in discussione in questi giorni alla Pisana, con il quale si introducono  meccanismi premiali o bonus per i pescatori che raccolgono e riportano a terra plastica ed altri materiali al fine di incentivare la pulizia delle nostre acque. Il tempo è un valore che non possiamo permetterci di perdere e che ci impone di agire con risoluzione e urgenza per salvaguardare una delle risorse principali del nostro territorio quale la pesca ed il relativo indotto rappresentano”.

Lo dichiara in una nota il capogruppo di Forza Italia in consiglio regionale del Lazio Giuseppe Simeone

I commenti non sono chiusi.

Facebook