mercoledì 12 agosto 2020,

Dai Comuni

Ξ Commenta la notizia

Priverno. Il valore sociale della donazione degli organi

scritto da Redazione
Priverno. Il valore sociale della donazione degli organi

Nella splendida sala delle cerimonie del palazzo comunale di Priverno, si è tenuto l’incontro organizzato dall’amministrazione comunale finalizzato a portare l’attenzione sul valore sociale e culturale della donazione degli organi e dei tessuti. Il Sindaco, Anna Maria Bilancia, ha spiegato che l’iniziativa è parte di un Progetto più ampio che il Comune di Priverno ha programmato per cogliere tale obiettivo. Già gli uffici demografici e dell’anagrafe sono stati organizzati, attraverso la formazione degli operatori e l’adesione al Progetto “Una scelta in comune” del Sistema Nazionale Trapianti, ad informare i cittadini maggiorenni e a chiedere loro di registrare sulla carta di identità, al momento del suo rilascio o del suo rinnovo, la volontà di donare o non donare, ma anche di aver bisogno di pensarci, i propri organi e tessuti.

L’iniziativa di sabato è stata dedicata a Vittoria Di Giorgio, una giovane cittadina privernate scomparsa qualche anno fa, della quale sono stati donati gli organi. A raccontarlo la mamma di Vittoria, la signora Eleonora che, con poche e incisive parole, ha spiegato come non sia giusto per i familiari di una persona di cui si sta accertando la morte, comprensibilmente disperati e immersi nel dolore, dover decidere, in assenza di una dichiarazione di volontà positiva o negativa rilasciata in vita, se autorizzare o meno l’espianto degli organi del proprio congiunto. Donare gli organi è un gesto di grande altruismo e civiltà, poter esprimere la volontà di farlo o non farlo in vita è sicuramente un diritto di tutti. Questo il messaggio fondamentale che si è voluto mandare con la testimonianza emozionante dei familiari di Vittoria; erano presenti oltre alla mamma, il papà Edmondo, il marito Massimo e i figli Yuri e Asia, oltre ad altri familiari e a tanti amici. Nella Sala, davvero gremita, erano presenti anche rappresentanti delle Istituzioni civili e militari, studenti del locale Liceo e cittadini di ogni età.

Roberta Durante, un medico del Centro regionale trapianti della Regione Lazio, ha spiegato con cura come è organizzato e come funziona il sistema dei trapianti in Italia, evidenziando che ancora oggi i trapianti sono pochissimi a causa della mancanza di donatori. Dopo di lei, Agnese Casini e Paolo Ruggeri, rispettivamente presidente dell’AIDO provinciale e presidente della Sezione di Sonnino hanno parlato del prezioso lavoro di informazione e sensibilizzazione svolto da questa associazione.

Grazie alla partecipazione della dottoressa Durante e dei volontari AIDO, di cui fa parte anche Marco Caradonna, referente per Priverno, si è voluto tentare di passare dall’informazione alla conoscenza, per poi giungere alla coscienza su un tema per cui l’essere consapevoli è fondamentale per poter fare una scelta.

“Abbiamo accolto” ha dichiarato alla fine dell’incontro Anna Maria Bilancia “con favore le sollecitazioni della famiglia di Vittoria, in particolare del figlio, a che si parlasse di questo delicatissimo e importantissimo tema perché riteniamo doveroso contribuire ad una capillare azione di informazione e sensibilizzazione necessaria per offrire a tutti gli strumenti necessari per fare scelte consapevoli. La targa in memoria di Vittoria, affissa ai piedi di Vicolo Mozzo, dove lei è nata e cresciuta, ricorderà a tutti, per sempre, che c’è bisogno di amore e di altruismo e che la nostra cittadinanza si sostanzia solo con scelte ragionate e consapevoli”.

 

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+