venerdì 05 Marzo 2021,

Provincia di Latina

Ξ Commenta la notizia

Latina. Riunione per il mancato pagamento delle retribuzioni ai dipendenti della Dondi

scritto da Redazione
Latina. Riunione per il mancato pagamento delle retribuzioni ai dipendenti della Dondi

La Femca Cisl di Latina ha incontrato i lavoratori della Dondi di Sezze,  che lamentano il mancato pagamento di retribuzioni e di una serie di competenze che non vengono regolarizzate da mesi. Oltre alla non indifferente problematica economica il personale della società ,che gestisce il locale servizio idrico, evidenziano di dover operare quotidianamente con un organico ridotto all’osso che non riesce a garantire pienamente le turnazioni così come previsto dal CCNL e di dover ricorrere continuamente agli straordinari per poter garantire il mantenimento degli standard qualitativi e quantitativi necessari a garantire un servizio soddisfacente per la popolazione di un comune di  oltre 24 mila abitanti.
La Femca Cisl ha richiesto alla Dondi un incontro urgente per verificare la situazione ed ha avviato la procedura di raffreddamento in sede prefettizia della vicenda, pronta a dichiarare lo stato di agitazione con sospensione degli straordinari non escludendo anche altre forme di lotta. Il segretario provinciale Roberto Cecere  nel commentare la delicata situazione ha affermato: “ abbiamo comunicato al sindaco di Sezze, dott  Andrea Campoli, lo stato di agitazione del personale della Dondi perché ci rendiamo conto che la cittadinanza potrebbe subire disagi da queste azioni di protesta, ma i lavoratori della Dondi sono ormai all’esasperazione. Ci rendiamo conto di come questa crisi non sia nata oggi e su di essa giochino fattori diversi, come pagamenti insoluti o fatturazioni non evase, ma questa situazione non può certo ricadere sulla testa di queste persone e delle loro famiglie. Restiamo fiduciosi che l’incontro urgente richiesto alla proprietà dell’azienda possa tenersi al più presto onde evitare che le azioni messe in campo a tutela dei lavoratori possano creare problemi alla popolazione”.

Rispondi alla discussione

Facebook