sabato 23 Settembre 2023,

Dai Comuni

Ξ Commenta la notizia

L’Associazione Caponnetto aderisce alla petizione dell’Associazione “Il Fortino” affinchè un terzo del promontorio del Circeo non diventi giardino privato

scritto da Redazione
L’Associazione Caponnetto aderisce alla petizione dell’Associazione “Il Fortino” affinchè un terzo del promontorio del Circeo non diventi giardino privato

Associazione per la lotta contro le illegalità e le mafie
“Antonino Caponnetto” ODV
Altro e alto
00192 ROMA-via Germanico 197
www.comitato-antimafia-lt.org

L’Associazione contro le illegalità e le mafie “Antonino Caponnetto” ODV aderisce attivamente alla
petizione lanciata nei giorni scorsi dall’Associazione Il Fortino di San Felice Circeo, affinché un terzo del
promontorio del Circeo non diventi un giardino privato a favore di pochissimi eletti.
Unitamente ad altra associazione, avevamo già esternato l’appoggio a favore della battaglia condotta
dall’Associazione Il Fortino e da decine di cittadini e frequentatori del Circeo, depositando presso la Procura
della Repubblica di Latina, una denuncia/querela per i tentativi perpetrati da alcuni componenti del
“Consorzio La Batteria e la Vasca Moresca” di chiudere la strada pubblica di Via delle Batterie tramite
installazione e chiusura di un nuovo cancello, nei giorni 3 e 7 luglio 2023.
In quelle occasioni il tentativo di chiusura è stato vanificato dall’intervento di numerosi cittadini, di
associazioni del territorio e della Polizia Locale.
La vicenda oggetto della petizione è ormai nota a tutti: da circa un anno il “Consorzio La Batteria e la Vasca
Moresca” consorzio di gestione tra privati formato dai proprietari delle ville costruite all’interno del Parco
Nazionale del Circeo (in zona di inedificabilità assoluta), pretende di chiudere al pubblico Via delle Batterie –
Via Vasca Moresca in San Felice Circeo, rivendicandone la proprietà, nonostante tali strade siano state
classificate già da anni ad uso pubblico da parte del Comune di San Felice Circeo, e siano soggette alle
determinazioni dell’Ente.
Via della Batteria è la diretta continuazione di Via del Faro (asfaltata) che finisce nei pressi dell’ingresso
dell’Hotel Punta Rossa; l’area ricade nel comprensorio naturalistico del Parco Nazionale del Circeo, nella
parte del promontorio denominato “Quarto Caldo”. Tramite la Strada delle Batterie, è possibile raggiungere
il fortino napoleonico, il rudere dell’antica Batteria Moresca detta anche Torre Moresca, il c.d. Riparo Blanc
piccolo riparo roccioso sulla costa in prossimità della cava di alabastro, frequentato dall’uomo fin dal
mesolitico, oggetto di numerosi scavi fin dagli anni 60 e costituente complesso archeologico; tale strada è
sempre stata considerata pubblica, dai sanfeliciani che ne hanno usufruito per secoli senza limitazione, e
dalla cartografia ufficiale (Foglio catastale della zona, Piano Regolatore Generale del Comune di San Felice
Circeo, ecc) che la definiscono strada comunale in tutta la sua estensione fino alla fine in prossimità della
Cava d’Alabastro e del Riparo Blanc. Va inoltre sottolineata l’importanza della strada come unica via
d’accesso alle scogliere demaniali, che si estendono per circa 4 Km a partire dalla località Punta Rossa fino a
Torre Paola, consentendo alla collettività la fruizione di una vasta area di Parco Nazionale. Queste strade e
stradelli, fruiti da sempre dalla popolazione, rappresentano un’unica rete viaria, insostituibile possibilità di
accesso, oltre che al Parco alla fascia costiera demaniale-
Per loro natura, quindi, queste strade devono rimanere pubbliche, fruibili da tutti e vanno difese ad
oltranza dagli appetiti dei privati che vorrebbero limitarne la fruizione. L’Associazione contro le illegalità e
le mafie “Antonino Caponnetto”, considerato anche che sulla vicenda è stata appena depositata una
interrogazione parlamentare; invita il Comune di San Felice Circeo, l’Ente Parco Nazionale del Circeo, la
Regione Lazio, ed i ministeri ed autorità competenti a prendere una posizione chiara a difesa della
collettività per la libera fruizione di siti di tale suggestiva bellezza.

I commenti non sono chiusi.

Facebook