mercoledì 28 Settembre 2022,

News

Ξ Commenta la notizia

Il Covid non dà tregua, Giuliano (Ugl Salute): “Operatori allo stremo delle forze”

scritto da Redazione
Il Covid non dà tregua, Giuliano (Ugl Salute): “Operatori allo stremo delle forze”

Cosa hanno si è fatto per frenare e combattere la pandemia? “È una domanda che devono porsi tutti coloro che sono stati e si trovano in cabina di comando, affrontando, se ne hanno coraggio, le proprie responsabilità. Siamo stati molto critici con il precedente Governo, sottolineando a più riprese i gravissimi errori commessi. Non farlo ora sarebbe delittuoso” dice con fermezza il Segretario Nazionale della Ugl Salute Gianluca Giuliano. “Certo le colpe per il depauperamento della sanità partono da molto lontano e hanno, purtroppo, tanti padri e sono di coloro che, nel nome dei tanto sbandierati pareggi di bilancio, hanno tolto risorse e forze al SSN. In oltre due anni di lotta alla pandemia – prosegue il sindacalista – sembra non si sia fatto tesoro di alcuna esperienza passata e ci troviamo di nuovo in una situazione drammatica, seppur in presenza dell’utilizzo dei vaccini. Le strutture sanitarie sono al collasso, le ambulanze nuovamente si accalcano al di fuori dei pronto soccorso e diventano giacigli di fortuna in attesa che i pazienti possano essere presi in carico, quando si può, dalle strutture. In questo quadro in prima linea continuano ad esserci loro, gli unici veri coraggiosi soldati di questa guerra al Covid-19. Sono gli operatori sanitari, armati solo del proprio coraggio e della loro professionalità, oramai allo stremo. Continuano ad essere la categoria di lavoratori più esposta al contagio con numeri in aumento e che fanno rabbrividire. Non bastasse questo rischio nell’adempimento del proprio dovere – dice ancora il Segretario Nazionale della Ugl Salute – leggiamo ogni giorno notizie di aggressioni, fisiche e piscologiche ai danni dei professionisti della salute impegnati in prima linea. Senza difesa dal virus, senza difesa dalla violenza, con stipendi che, lo denunciamo da tempo, sono nettamente al di sotto della media dei colleghi europei. Li hanno ricoperti di elogi e parole, buoni per il consenso politico, ma nella sostanza poco o nulla è stato fatto. Il Pnrr doveva aprire a un potenziamento degli organici, con una campagna di assunzioni che come sindacato chiedevamo coraggiosa ed incisiva, ma che tarda colpevolmente a concretizzarsi. Di riconoscimenti pratici e adeguamento delle retribuzioni c’è ben poca traccia. Chiediamo allora alle istituzioni di non perdere altro tempo per affrontare una situazione ormai ad un passo dal punto di non ritorno. Per i lavoratori della sanità, per i cittadini, per l’Italia intera” conclude il sindacalista.

I commenti non sono chiusi.

Facebook