mercoledì 30 Novembre 2022,

News

Ξ Commenta la notizia

Giornata di formazione, in Corecom Lazio, su un tema delicato e attuale, con interventi di professionisti affermati del mondo dell’informazione

scritto da Redazione
Giornata di formazione, in Corecom Lazio, su un tema delicato e attuale, con interventi di professionisti affermati del mondo dell’informazione

Si è svolto questa mattina il convegno “Informazione e Cyberbullismo” organizzato da Corecom e OdG Lazio. La prof. Maura Ianni, docente di Psicologia Generale all’Università di Tor Vergata, ha introdotto l’argomento che è stato approfondito, nei suoi diversi aspetti, da esperti del mondo della comunicazione, partendo dalla Carta di Treviso e dalla Carta di Assisi per arrivare al recente Codice Rosso. Sono intervenuti: Enrico Singer (Direttore Agenzia Nova), Claudio Micalizio (Direttore Radio Roma), Luana Morgilli (Psicologa, Consigliera OdG Lazio), Gianluca Monaco (Psicologo dell’età evolutiva).

Il Consigliere Corecom Federico Giannone ha portato i saluti della Presidente Maria Cristina Cafini: “Prosegue l’impegno del Corecom Lazio per contrastare concretamente ed efficacemente il cyberbullismo attraverso l’alleanza con il mondo dell’informazione, in particolare con l’Ordine dei Giornalisti del Lazio, e con il Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni ‘Lazio’ – Roma.”

“Il dialogo e l’ascolto – dichiara Giannone – sono i mezzi per evitare che le vite di tanti giovani siamo rovinate da insulti e discriminazioni lanciati in rete. Nell’educazione alla cittadinanza digitale vanno coinvolti i media tradizionali e digitali per fare in modo che ogni richiesta d’aiuto possa venire intercettata in tempo, prima che accada l’irreparabile”.

Per il Consigliere del Corecom Roberto Giuliano “I giornalisti hanno una grande responsabilità, ma devono essere coadiuvati da esperti e professionisti di altri settori sia nello scambio di esperienze e tecniche comunicative sia nel modo di proporre la tematica in base al pubblico di riferimento: i ragazzi, la famiglia, gli educatori e le istituzioni, ognuno per le proprie specificità”.

Secondo la Consigliera Iside Castagnola: “È importante che il mondo dell’informazione si ispiri sempre ai principi della carta di Treviso senza mai spettacolarizzare le sofferenza della persona vittima di cyberbullismo.”.

All’evento ha portato i propri saluti il Consigliere Regionale Emiliano Minnucci, vice Presidente della III Commissione “Vigilanza sul pluralismo dell’informazione”.                      

I commenti non sono chiusi.

Facebook