mercoledì 10 Agosto 2022,

Dai Comuni

Ξ Commenta la notizia

Gaeta, città e beni demaniali

scritto da Redazione
Gaeta, città e beni demaniali
 Nel 1993 la giunta Di Maggio affidò al COPIT (Comitato Parlamentare Innovazione Tecnologica) lo studio e la catalogazione dei beni demaniali presenti nella città di Gaeta.
Successivamente la giunta D’Amante sottoscrisse il contratto e il lavoro svolto dagli architetti Di Mille, Colozzo e Sperduto, fu presentato alla Commissione Finanze della Camera dei Deputati presieduta dall’Onorevole Giorgio Benvenuto, nato a Gaeta.
Furono realizzati progetti che portarono al restauro della batteria Real Ferdinando, la batteria comando e della strada che dal Santuario della Montagna Spaccata conduce alla Carolina.
Successivamente, solo con l’amministrazione Raimondi e l’assessore Antonio Ciano si riprese a parlare di beni demaniali e del loro ritorno al patrimonio della città  e destinazione d’uso (Villa Reale e Orto Botanico, Casa Tosti, Caserma Cialdini, Torrione Francese, Chiesa di S .Michele Arcangelo, Caserma Vittorio Emanuele, San Domenico).                                                                                                                                                              Oggi aggiungiamo il Tempio di San Francesco e l’ex caserma Menabrea (Oratorio don Bosco ).                                                                                                                                                                           Nello specifico, per l’Oratorio la nostra idea terrà in conto la funzione avuta dalla struttura durante quasi un secolo di attività formativa sociale e spirituale.                                                                                                          Per il Tempio di S. Francesco l’impegno per un definitivo restauro e per la piena disponibilità del bene da parte della Diocesi.
È fondamentale per un corretto e funzionale recupero dell’intero centro storico rientrare in possesso di questi beni e avviare il loro pieno recupero e valorizzazione. Tanto è un atto dovuto nei confronti della nostra Gaeta e della sua storia.
Con il vostro sostegno continueremo sulla strada intrapresa sempre in un’ottica di continuo miglioramento e reale progresso per Gaeta.

I commenti non sono chiusi.

Facebook