martedì 24 Novembre 2020,

Dai Comuni

Ξ Commenta la notizia

Formia. D’Arco: Il Piano regolatore che non c’è e la pantomima politica con Delrio

scritto da Redazione
Formia. D’Arco: Il Piano regolatore che non c’è e la pantomima politica con Delrio

Nei giorni scorsi è stata organizzata dall’Amministrazione comunale una vera e propria pantomima con il Ministro Delrio prendendo a pretesto il tema del Piano Regolatore Generale che non c’è. Infatti le stesse tematiche del “convegno” vertevano su argomenti generici e generali che avevano davvero poco a che fare con il PRG che la città aspetta da oltre 30 anni!
La verità è che l’attuale “maggioranza” in evidente stato di agonia, sia politica che amministrativa, tenta miseramente di aggrapparsi a vuote operazioni d’immagine con richiamo a personaggi altisonanti come il Ministro Delrio le cui funzioni  non hanno nulla a che fare con le tematiche urbanistiche di esclusiva competenza in  capo alla Regione Lazio. Si tratta, afferma D’Arco, di passerelle politiche e di sceneggiate teatrali che non portano alcunché  alla  risoluzione dei gravi problemi che angustiano  Formia  e la sua collettività locale.
Ritengo, continua D’Arco, che sia giunto davvero il momento di mettere fine a questa  agonia  amministrativa  ed a questa ibrida coalizione politica che si trascinano da oltre un anno; una situazione gravissima che sta di fatto isolando la città dal contesto comprensoriale e collassando gravemente lo sviluppo urbanistico, l’economia e l’occupazione di Formia. Nel contempo rimane aperta una gravissima questione politica e morale che investe l’intero apparato burocratico comunale, il Sindaco e lo stesso PD locale, ormai lacerato e letteralmente “spompato“ da una vecchia classe dirigente che “resiste da oltre 40 anni”, che tarpa sistematicamente le ali ai giovani ed  incapace  quindi  di promuovere qualsiasi  rinnovamento democratico, sia politico che dirigenziale.
Per queste ragioni ritengo necessario ed urgente uno scatto di orgoglio civico capace di mobilitare le migliori risorse umane, professionali, culturali, sociali e politiche per costruire insieme un moderno progetto organico e strategico per nostra città e per guidare un nuovo e più avanzato processo politico e democratico di sviluppo economico, sociale e civile per ridare a Formia il suo ruolo (perduto) di  città-volano di sviluppo per l’intera area del sud pontino.

Silvio D’Arco

Rispondi alla discussione

Facebook