martedì 02 Marzo 2021,

Politica

Ξ Commenta la notizia

Fondi. Il direttivo del Pd produce il primo incontro

scritto da Redazione
Fondi. Il direttivo del Pd produce il primo incontro

Martedì scorso i Consiglieri comunali della Lista Civita per Fondi – Maria Civita Paparello, Luigi de Luca e Giancarlo Di Manno – hanno incontrato i membri del Direttivo locale del Partito Democratico, insieme alla segretaria Rosaria Alfinito che in apertura ha dato il benvenuto ai tre consiglieri dichiarandosi felice della decisione da loro assunta di entrare a far parte attiva del PD. Anche gli altri membri del Direttivo, Vincenzo Bucci, Mario Pio Di Veglia, Fabrizio Faiola, Paolo Giardino, Giuliano Iannitti, Simone Nardone, unitamente al Consigliere Comunale Bruno Fiore, hanno espresso viva soddisfazione. L’incontro è stato molto cordiale ed ha chiarito ulteriormente i motivi della scelta. Il capogruppo della Lista, Maria Civita Paparello, ha sottolineato che la decisione era maturata già con la candidatura alle regionali per Nicola Zingaretti, attuale Presidente della Regione Lazio. Il Programma di Zingaretti, che sinteticamente era enunciato dall’espressione “Un nuovo inizio”, è proprio l’emblema di quello che i tre Consiglieri hanno fortemente perseguito già dalle ultime elezioni comunali: la volontà di ricominciare su basi nuove per rinnovare la politica e riavvicinarla alle persone è fondamentale. Bisogna ricominciare, dunque, cambiando rotta con consapevolezza e responsabilità. E questo è possibile solo se si opera in sintonia con gli altri, all’interno di un grande Partito come il PD, delineando insieme un piano di interventi per essere al contempo latori delle istanze dei cittadini e credibile alternativa di governo in un territorio martoriato dall’illegalità e dalla corruzione, dove i diritti più elementari vengono presentati come favori e non si fa nulla per far ripartire l’economia, nonostante le possibilità di intervento, perché chi si trova in stato di precarietà e indigenza è più facilmente governabile di chi è persona libera dal bisogno. L’unione, con espressione antica ma non superata, fa la forza: ripartiamo da qui per costruire insieme un futuro migliore per la nostra città, mettendo in campo le nostre energie, condividendo idee e progetti e lavorando per realizzarli.

Rispondi alla discussione

Facebook