sabato 27 Febbraio 2021,

News

Ξ Commenta la notizia

Fazzone (PDL): «Con Silvio contro il totalitarismo dei giudici e dell’odio»

scritto da Redazione
Fazzone (PDL): «Con Silvio contro il totalitarismo dei giudici e dell’odio»

Appello del coordinatore provinciale del Pdl, Claudio Fazzone, per la mobilitazione di domani per sostenere il presidente Berlusconi e difendere la libertà.
«Esistono in politica passaggi in cui nessuno può chiamarsi fuori, oggi è in gioco la libertà di tutti gli italiani e tutti gli italiani debbono difendere la loro liberta, non c’è posto per la delega». Così il senatore e coordinatore provinciale del Pdl, Claudio Fazzone, chiama alla mobilitazione i militanti del Pdl per la manifestazione del Popolo della Liberta “Tutti con Silvio” che si svolge a Roma domani alle 18 in piazza SS. Apostoli. “Siamo davanti al punto di arrivo – spiega – di teoremi che hanno visto una giustizia malata e di parte, complice di una politica incapace di progetti ma piena d’odio. La nostra è oggi una battaglia contro l’odio».
Fazzone ricorda il “calvario giudiziario” di Silvio Berlusconi il cui vero “reato” è quello di amare la libertà e di essere libero e rappresentante dell’Italia del fare e non di quella dell’invidia e del rancore.
«La mobilitazione di domani – spiega – è un punto di svolta, è il segnale che da un Paese che  vuole che la politica torni sovrana e non sia sottomessa all’oppressione dei giudici che si stanno appropriando, indebitamente, dello Stato e della democrazia. Il vero reato è il furto di libertà che è stato fatto, non nei confronti di Silvio Berlusconi ma di milioni di cittadini italiani liberi che non vogliono accettare il totalitarismo dei giudici».
«A piazza Ss. Apostoli – conclude Fazzone – ci sarà l’Italia migliore, la maggioranza degli italiani, quell’Italia che crede nel lavoro, nella libertà e nella sua tradizione di rispetto per la democrazia e per chi la rappresenta. E’ Sovrano il Popolo. Questa è la pietra su cui abbiamo costruito la nostra libertà, e non accetteremo di sostituirla con la pietra dell’odio e della dittatura dei giudici».
“Noi siamo con Silvio, la provincia di Latina è con la libertà”, come sempre.

Rispondi alla discussione

Facebook